Inter, ingaggio top per Lautaro. Manolas più vicino all'addio, Commisso fissa il prezzo di Vlahovic

Inter, ingaggio top per Lautaro. Manolas più vicino all'addio, Commisso fissa il prezzo di Vlahovic
di Eleonora Trotta
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 18 Agosto 2021, 20:49 - Ultimo aggiornamento: 19 Agosto, 15:10

La partita non è ancora chiusa, ma da oggi Lautaro Martinez è molto più vicino al rinnovo. È stato definito infatti positivo l'incontro di stamane tra gli agenti dell'argentino e l'Inter, per impostare il prolungamento del contratto in scadenza nel 2023. L'attaccante è partito da una richiesta di 7, l'Inter ne ha offerti 5. La stretta di mano dovrebbe arrivare, quindi, a metà strada. E non ci sarà molto da attendere, visto che il prossimo incontro di calciomercato è già in agenda.

Roma, Mourinho: «Il tempo è la chiave per arrivare ai risultati. Il Trabzonspor? Sembrerà un play-off da Champions»

BLITZ ZAPATA
Intanto, sul fronte entrate, va registrato il blitz degli agenti di Zapata, sbarcati in Italia proprio per convincere l'Atalanta a cedere il giocatore all'Inter. Ma, al momento, il club bergamasco non fa sconti rispetto alla richiesta di 40 milioni per il cartellino del goleador. Un prezzo, questo, ritenuto eccessivo dal'ad Marotta, sempre in contatto con gli agenti di Correa (occhio all'Everton), Marcus Thuram e Weghorst. Tornando ai rinnovi, dopo Lautaro sarà il turno di Barella. Il centrocampista merita uno stipendio da big e presto vedrà la dirigenza. La Premier, però, resta sullo sfondo. 

MANOLAS, ADDIO PIÙ VICINO

Da Milano a Napoli, dove Manolas è in pressing per l'addio. Il centrale greco, già d'accordo con l'Olympiacos, aspetta con ansia la stretta di mano tra i due club sugli 8-10 milioni. Saranno giorni bollenti con Mino Raiola, agente dell'ex Roma, determinato ad accontentare il suo assistito. Salta Emerson Palmieri: l’esterno italo-brasiliano ha raggiunto un accordo con il Lione.

PARLA COMMISSO
Ore decisive anche per Vlahovic. L'attaccante serbo, classe 2000, ha ricevuto offerte da Atletico Madrid e Tottenham. La Fiorentina non vorrebbe cederlo, ma oggi il patron Commisso ha fissato il prezzo della sua stella: «Se parliamo di 100 milioni o giù di lì, ci penserò attentamente. È inutile nasconderlo anche perché la pandemia ha causato danni economici notevoli ai club e quindi anche alla Fiorentina. Di fronte a certe cifre quindi non si può dire di no».

© RIPRODUZIONE RISERVATA