Lazio, Zaccagni osservato speciale: il ct Mancini a San Siro per l'ultima conferma

Lazio, Zaccagni osservato speciale: il ct Mancini a San Siro per l'ultima conferma
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Martedì 8 Febbraio 2022, 12:03

Alle tante vetrine di moda domani sera a Milano si aggiungerà quella dello stadio San Siro. Il quarto di finale di Coppa Italia tra Milan e Lazio consisterà in una grande opportunità per i possibili convocabili con l’Italia poiché saranno visionati da Roberto Mancini in persona. È iniziato ufficialmente il tour degli stadi per il commissario tecnico azzurro. Dopo l'Olimpico ecco il Meazza. C'è meno di un mese e mezzo per scegliere il gruppo che a marzo si giocherà l’accesso al Mondiale in Qatar. In casa Lazio la presenza del ct sarà un’occasione ghiotta per Mattia Zaccagni, tornato su livelli alti da dicembre.

L’esterno biancoceleste ha ricominciato a dispensare magie e passaggi illuminanti come ai tempi di Verona. Sarri lo ha scelto dal 1’ al Franchi e l’ex Hellas per tutta risposta non ha sbagliato nulla. Sterzate, dribbling, cross e soprattutto due assist di valore assoluto. Il primo di esterno per l’inserimento di Milinkovic. Praticamente un regalo da scartare con un semplice piattone dal Sergente, con buona pace della retroguardia viola. Il secondo non sarà finito nelle statistiche, ma è quello che ha permesso di chiudere la partita. Uno-due con Immobile e lancio con i tempi giusti per il bomber biancoceleste che ha scartato Terracciano e costringendo Biraghi all’autogol: gioco-partita-incontro.

Lazio, Zaccagni occasione a San Siro con vista sulla Nazionale

Le impressioni di fine 2021 sono rimaste tali. Nessun fuoco di paglia per Zaccagni che non si è fermato neanche dopo il Covid contratto nel periodo di Capodanno. L’esterno negli ultimi due mesi è sbocciato definitivamente e a confermarlo è stato anche Sarri: «Ha avuto una crescita incoraggiante». Il Comandante ci sta lavorando molto. Sa che l’ex Hellas può essere un protagonista del suo scacchiere tattico e dopo avergli fatto prendere il ritmo il nuovo step è quello di puntare di più la porta: «Non attacca molto l’area, deve entrare di più nel campo». Al momento il bottino del numero 20 recita 2 gol e 4 assist con la Lazio, tutti in campionato e da dicembre in poi. L’ultimo mese dell’anno passato può essere considerato la svolta stagionale del classe ’95. Pian piano ha convinto tutti, anche il ct Mancini a convocarlo per lo stage di fine gennaio. Un’occasione per conoscere lo staff dell’Italia e dispensare qualche numero dei suoi dal vivo a Coverciano. I tre giorni di ritiro sono terminati con tanti sorrisi e due foto postate dall’esterno sui propri canali social, entrambe con il cuoricino blu e la bandiera dell’Italia. Zaccagni ha un mese e mezzo per confermare che quello di una settimana fa è stato solo un arrivederci e il primo passo sarà proprio la vetrina di San Siro.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA