Pau Lopez decisivo, da Veretout lo strappo vincente

Pau Lopez decisivo, da Veretout lo strappo vincente
di Alessandro Angeloni
3 Minuti di Lettura
Lunedì 23 Settembre 2019, 07:30

dal nostro inviato
BOLOGNA Dzeko fa lo stretto indispensabile, che è molto. Veretout, basta una giocata. Pellegrini c’è quando serve. Pau Lopez decisivo.
PAU LOPEZ   7
Mostruoso su Soriano, che calcia dritto per dritto a botta sicura. Con quella paratona, appena dopo il rigore subito, tiene la partita sull’uno a uno, e poi sappiamo come va a finire. 
FLORENZI   5,5
Il primo tempo sta sulle sue, lasciando solo là davanti Kluivert, che combina poco. Qualche problema sulle fughe di Dijks e Sansone, che spesso lo mettono in mezzo. Nella ripresa rischia il secondo giallo per un fallo su ripartenza del Bologna. Graziato.
MANCINI   5,5
Si disperde nel finale, con un fallo su Santander che salva, forse, un gol, ma non lui, che incassa il secondo giallo, quindi il rosso.
FAZIO   6,5
Si fa apprezzare per un uno contro uno vincente con Orsolini in piena area di rigore. Destro gira alla larga. Più solido del solito.
KOLAROV   7
Il calcio di punizione ormai per lui è come un rigore. Sempre all’attacco, sempre cattivo e con la faccia da bullo. Gli fischiano un rigore contro, che sembra quasi un abbaglio.
CRISTANTE   6
Si sobbarca il solito lavorone in mezzo al campo, anche con compiti di regia che non ha ancora nelle corde. Indispensabile come un polmone.
VERETOUT   6,5
Rude e spesso falloso. Bravo in qualche recupero, ma frenetico nel palleggio. Poi, sul gong, una giocata che apre le porte al paradiso. Sveglio.
KLUIVERT   5
Combina poco, Dijks lo annulla in poco tempo. Non che commetta errori grossolani, si trova solo nel posto sbagliato al momento sbagliato. Capita.
PELLEGRINI   7
Pulizia del tocco, la solita. A volte molto bello da vedere, gli si chiede un’efficacia continua, che stavolta non dà. Due giocate decisive: si procura la punizione del gol di Kolarov; perfetto l’assist a Dzeko.
MKHITARYAN   5
Finisce con l’imbottigliarsi al centro, dove c’è già traffico. Non gli riesce la giocata della partita, cosa che da lui ci si aspetta. Evanescente. 
DZEKO   7
Confuso, poco lucido. Mai pericoloso. Sbaglia molte sponde e un paio di conclusioni. Ma poi, all’improvviso, sa diventare un altro: dieci minuti fatti bene e la puntualità nell’appuntamento con il gol della vittoria. Che dire. 
ZANIOLO   6 
Subito vivace, fin troppo, fino a prendere un’ammonizione che lo condiziona. Qualche giocata di ottimo livello resta agli atti.
SPINAZZOLA   6
Dà il suo contributo: spinta e qualità.
JESUS   NG
FONSECA   7
La scelta di tenere fuori Zaniolo inizialmente non paga. Primo tempo brutto e inconsistente, la Roma è più viva nella ripresa, nella quale cerca costantemente la vittoria, che qui al Dall’Ara negli ultimi sette mesi ha strappato solo la Juve. La Roma sale in classifica, e meriti ne ha, senza dubbio. 
PAIRETTO   4
Il fallo (presunto) in area su Dzeko, forse, meritava di essere rivisto. Al di là di protocolli e protocollini. Quello che dà al Bologna è quantomeno discutibile, al limite dell’inesistente. Il recupero non convince, pochi tre minuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA