La Lazio a Bologna punta su Muriqi: pronto per sostituire Immobile

La Lazio a Bologna punta su Muriqi: pronto per sostituire Immobile
di Alberto Abbate
4 Minuti di Lettura
Domenica 3 Ottobre 2021, 00:05

Ancora alla ricerca del tesoro perduto: il gol. Il pirata Muriqi ha finalmente la sua chance dal primo minuto. Immobile si è stirato, Sarri è orientato a sostituirlo col kosovaro, ma ieri ha provato pure Pedro falso nueve come alternativa, anche a gara in corso. Vedat è convinto di superare il ballottaggio, stavolta vuole sfruttare il suo momento e convincere Maurizio. Ad Auronzo il tecnico lo ha difeso, ma sinora non ci ha mai puntato davvero dall’inizio. E ha precisato: «La società ha voluto trattenerlo». Pure in Europa ha schierato due volte Ciro: «Anche se Muriqi ha sempre fatto per 5 o 30 minuti ciò che gli ho chiesto», ha assicurato alla vigilia della gara contro la Lokomotiv per evitare di demotivarlo. In effetti, rispetto alla scorsa stagione, lo spilungone kosovaro ha un altro veleno, ma giovedì è subentrato a Immobile nel primo tempo e ha fallito un altro timbro a colpo sicuro. A Torino invece era stato decisivo all’ultimo arrembaggio: si era conquistato il rigore al novantesimo, poi trasformato da Ciro dal dischetto per il pareggio. Un punto prezioso, ma oggi a Bologna Vedat vuole prendersene tre con la sua firma sul tabellino. 

Nove milioni, novecentosessantamila e cinquecento euro.  Tanto è costato fino ad oggi ogni gol di Muriqi alla Lazio. Perché sono appena due, i centri, in 1300’ fra Serie A, Coppa Italia e Champions. Uno purtroppo inutile nella sfida persa 3-2 in Coppa Italia il 27 gennaio del 2021 e l’altro (unico) in campionato nel 3-1 del 31 gennaio 2021, entrambi contro l’Atalanta a Bergamo. Da allora solo digiuno per uno che pure sembra così affamato nel suo Kosovo: due reti a Georgia e Grecia nell’ultima sosta di settembre, adesso sono 9 in 778’ (una ogni 86’) nel 2020/21. È chiaro che a Roma ha un blocco. Giocare con quella valutazione monstre sulle spalle - il secondo colpo più pagato dopo Zarate dell’era Lotito - è compito arduo, ma adesso Muriqi vuole scrollarsi quel marchio di flop. I tifosi ne apprezzano l’impegno, giovedì gli hanno dedicato un coro: oggi saranno in duemila - poco più della metà nel settore ospiti - al Dall’Ara a sostenerlo e a indirizzarlo verso il bersaglio. 

Il piano B

Solo Sarri può rovinargli il pranzo e far sedere al suo posto lì davanti Pedro. È una tentazione dell’ultimo minuto, giocherà comunque l’ex giallorosso: parte favorito sul piano b Raul Moro sull’esterno. Insieme all’inamovibile Felipe Anderson, ormai sempre più lanciato: «Sono maturato e Sarri mi farà diventare pure continuo. Contro il Bologna non sarà facile senza la profondità e i gol di Ciro, ma chi lo sostituirà darà il massimo». Stringe i denti l’acciaccato Milinkovic a centrocampo con Leiva e Luis Alberto. Serve la formazione migliore per battere un Bologna che ha sì incassato 4 reti ogni 90’, ma ha un altro ex col dente avvelenato per non essere tornato dopo Inzaghi a Formello. Oltretutto ora Mihajlovic, dopo appena un punto nelle ultime tre giornate e il terribile 6-1 nerazzurro, deve pure difendere la sua panchina rossoblù a rischio: «Contro la Lazio daremo tutto, ma sarà colpa mia se qualcosa andrà storto». Out Dijks, recuperato almeno Soumaoro (falso positivo) dietro. Una volta trovato lo spazio, Muriqi dovrà scovare lì in mezzo il varco giusto. Non può rovinare la media del terzo miglior attacco (15 gol) di questo campionato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA