Il Bologna protesta: «Giocare martedì con il Cagliari scelta immotivata, penalizzante e vessatoria»

Il Bologna protesta: «Giocare martedì con il Cagliari scelta immotivata, penalizzante e vessatoria»
di Emilio Buttaro
2 Minuti di Lettura
Domenica 9 Gennaio 2022, 15:36

Il rinvio a martedì sera della partita Cagliari e Bologna ha fatto esplodere la rabbia del club felsineo. Con un durissimo comunicato sul proprio sito ufficiale la società presieduta da Joey Saputo ha espresso il proprio disappunto lasciando pochi spazi ad interpretazioni.

«Il Bologna Fc 1909 - si legge nella nota - preso atto dell’incomprensibile decisione della Lega Serie A di rinviare la partita Cagliari-Bologna a martedì 11 gennaio, intende esprimere la sua totale e ferma avversione a una scelta immotivata, penalizzante e vessatoria. Tutti gli appartenenti al gruppo squadra sono in isolamento domiciliare da mercoledì e vi resteranno fino a stasera per una disposizione dell’AUSL di Bologna, la cui legittimità è stata confermata anche dal TAR dell’Emilia Romagna. I giocatori che non risulteranno positivi al Covid-19 - prosegue il comunicato - dovranno quindi partire per Cagliari nella giornata di domani e giocare una partita di campionato martedì senza aver di fatto potuto svolgere allenamenti per una settimana, con tutti i rischi che ne conseguono anche per l’incolumità degli atleti. Siamo allibiti di fronte a un provvedimento preso senza reali necessità di urgenza (né il Bologna né il Cagliari disputano le coppe europee e quindi non mancano le date disponibili in calendario), che dimostra sprezzo per i più elementari principi di equità competitiva e di tutela dell’integrità fisica dei calciatori».

Il recupero così imminente della gara ha fatto scattare la protesta del club considerato anche che i rossoblu, in quarantena da mercoledì scorso, dovranno affrontare una delicata trasferta senza l'adeguata preparazione. Dal giro di tamponi in programma stasera si conoscerà lo stato di salute della squadra riguardo al Covid con particolare attenzione agli otto positivi dei giorni scorsi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA