Italia, il ballottaggio della vigilia: Mancini deve scegliere la mezzala destra. Bernardeschi sfida Barella

Bernardeschi
di Ugo Trani
2 Minuti di Lettura
Venerdì 11 Ottobre 2019, 22:53

Mancini ammette di avere il dubbio della mezzala destra: Barella o Bernardeschi. Il ballttaggio esiste, ma non va a intaccare lo spirito di gioco. L'Italia contro la Grecia, anche con la maglia verde, si tiene stretta la sua qualità a centrocampo. Il ct non cambia certo idea e, nella notte in cui cerca la promozione a Euro con tre giornate d'anticipo, dà forza al suo 4-3-3. Barella, con Verratti e il play Jorginho, è il titolare. In 5 delle 6 partite in queste qualificazioni è partito.dall'inizio. E su 15 gare del nuovo corso ha già contato 9 presenze. Anche Bernardeschi ha avuto il suo spazio: 3 volte dal primo minuto. Ed è stato utilizzato in 8. Ma la differenza sta nel ruolo. Ha sempre giocato nel tridente. Da esterno destro (o sinistro) e da falso nove. La novità sarebbe il suo spostamento da intermedio, come è successo nei giorni di ritiro a Coverciano prima di mettersi in viaggio per la Capitale. Idea che ha avuto anche Sarri nella Juve, dove però ultimamente ha giocato da trequartista. O comunque da esterno.

STRISCIA DA ALLUNGARE
Mancini non lo considera un esperimento. Si fida del suo copione e bernardeschi, pure da centrocampista, sa come comportarsi.  Anche perché la notte dell'Olimpico è da dedicare a Euro 2020. Se domani l'Italia batte la Grecia conquista la qualificazione. Così avrà la certezza di ripresentarsi a Roma tra 8 mesi, il 12 giugno per la gara inaugurale del torneo e per giocare 3 gare su 3 della prima fase. Il ct, dunque, vuole archiviare la pratica, allungando la sua serie positiva da record con la settima vittoria consecutiva nel gruppo J. Viaggia a punteggio piento con 18 punti e 6 di vantaggio sulla Finlandia seconda, già superata in entrambe le sfide.

ALMENO 4 CAMBI
Se gioca Barella, sono 4 le novità dopo il successo dell'8 settembre a Tampere. Con Bernardeschi salgono a 5. Escono Emerson (e Florenzi), Pellegrini e Sensi, out perché infortunati come Chiellini. In più sta fuori pure Izzo. I terzini saranno D'Ambrosio e Spianzzola, a centrcampo torna Verratti e davanti rientra Insigne. La Lazio, con la conferma di Acerbi in difesa e di Immobile da centravanti, è la società più rappresentata nella multiNazionale. Se con la Juve o con l'Inter, dipende dal ballottaggio di Mancini. Cioè Bernardeschi o Barella.   
       

© RIPRODUZIONE RISERVATA