Barça e Liverpool ai quarti: manita blaugrana al Lione, Bayern battuto 3-1 dai Reds

Mercoledì 13 Marzo 2019 di Valerio Cassetta
La prima sconfitta nella competizione fa rima con eliminazione. Il Lione saluta la Champions League, battuto 5-1 al Camp Nou dal Barcellona. Tutto facile per gli uomini di Valverde che conquistano i quarti di finale di Champions League grazie a Messi (doppietta), Coutinho, Piquè e Dembelè. Resta l’amaro in bocca per i francesi, che all’andata avevano pareggiato 0-0, mentre in Spagna sono costretti ad inseguire già al 13’. Messi trasforma il rigore dell’1-0, concesso e rivisto al Var dall’arbitro polacco Marciniak per il fallo di Denayer su Suarez. La reazione degli ospiti non si fa attendere: Depay rifinisce per N’Dombèlé che da ottima posizione non mette paura a Ter Stegen. Con il vantaggio acquisito il Barça gioca spensierato e il raddoppio arriva al 31’. Suarez dialoga con Coutinho, che insacca da due passi. I padroni di casa si rendono pericolosi ogni volta che superano la metà campo avversaria e potrebbero chiudere il primo tempo con un vantaggio più ampio. Nella ripresa Messi sale in cattedra, ma sugli sviluppi di un calcio d’angolo Tousar approfitta di una mancata respinta e accorcia le distanze: qualificazione riaperta. I ragazzi di Genesio si gettano a capofitto, scoprendo il fianco alle ripartente del Barcellona. La parola fine la mettono Leo Messi, Piqué e Dembelé. Tre reti in una manciata di minuti che fanno esplodere di gioia il Camp Nou. Da applausi la rete del numero 10 che entra in area, si libera di sue difensori e mette dentro, nonostante la deviazione di Lopes.

GIOIA LIVERPOOL
​Vittoria in trasferta e qualificazione. Il Liverpool trionfa in casa del Bayern Monaco per 3-1 e vola ai quarti di Champions League. I ragazzi di Klopp hanno la meglio in una gara giocata con grande intensità da entrambe le squadre. Il tecnico dei Reds dopo appena 13 minuti deve effettuare il primo cambio: dentro Fabinho, fuori Henderson, alle prese con un problema muscolare. Un episodio che non scoraggia gli inglesi che al 26’ segnando l’1-0 con Manè. Delizioso il pallonetto con cui il senegalese insacca alle spalle di Neur. La rete dà ancor più fiducia ai Reds, sorpresi dal pareggio del Bayern: Gnabry dalla destra crossa per Lewandowski, ma Matip nel tentativo di anticipare l’attaccante fa autogol. Nella ripresa la squadra Kovac alza il ritmo: dopo l’0-0 dell’andata ad Anfield, con l’1-1 passerebbe il Liverpool. Lewandowski in scivolata sfiora la doppietta personale, mentre gli inglesi attaccanti in contropiede e si fanno pericolosi sui calci piazzati. Sugli sviluppi di un corner Van Dijk stacca meglio di tutti e di testa segna il 2-1. I tedeschi accusano il colpo e all’84’ Manè, su assist di Salah, spegne ogni speranza di rimonta: 3-1. Ultimo aggiornamento: 23:07


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La generazione che snobba i motorini e pure i bolidi

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma