Atalanta, Klopp incorona la Dea: «Mi ricorda il Leeds di Bielsa»

Lunedì 2 Novembre 2020

Dopo lo spagnolo Pep Guardiola anche il tedesco Juergen Klopp incorona a parole la 'Deà di Gian Piero Gasperini. Alla vigilia della sfida di Champions League contro l'Atalanta, l'allenatore dei 'Reds' campioni d'Inghilterra e attualmente capoclassifica in Premier League, elogia l'atteggiamento dei bergamaschi, ma anche la loro «grande predisposizione a cercare la strada che porta al gol». «Visto quello che ha fatto nelle ultime stagioni - le parole di Klopp, in conferenza stampa - l'Atalanta è una squadra molto ben organizzata, ma anche ben allenata, una squadra nella quale ogni giocatore sa sempre quello che deve fare: non sarà facile affrontarla. In alcuni frangenti mi ricorda il Leeds di Bielsa».

Freschezza, imprevedibilità, organizzazione, sono le doti che hanno impressionato il tedesco Klopp, l'allenatore che ha riportato il Liverpool sul tetto del mondo, d'Europa, d'Inghilterra. «Come si ferma un attacco da 100 gol? Con molta semplicità: basta non farli tirare in porta e il gioco è fatto. Loro attaccano da squadra, non con un singolo giocatore; noi cercheremo di difenderci da squadra, con attenzione e senza lasciare nulla al caso». «Mi diverte guardare l'Atalanta, quando gioca - ha poi aggiunto Klopp -: sono convinto che possiamo imparare tanto. Gomez? È un giocatore imprevedibile, che in campo va dove gli pare, per questo è ancora più difficile contenerlo». Il laterale Trent Alexander-Arnold dà forza alle dichiarazioni del proprio allenatore, confermando in conferenza che - per lui - l'Atalanta «è una squadra vera, forte, in grado di produrre un calcio fluido». «Ha la giusta mentalità per affrontare anche la Champions - ammette il giocatore del Liverpool - non è un caso che abbiano segnato tanti gol nel proprio campionato». 

Ultimo aggiornamento: 18:42
© RIPRODUZIONE RISERVATA