Astori, due medici indagati per la morte del calciatore viola

Lunedì 10 Dicembre 2018
La Procura di Firenze ha inviato due avvisi di garanzia per la morte di Davide Astori, il capitano della Fiorentina deceduto il 4 marzo scorso nel ritiro prima della partita di Udine. Si tratta di due medici degli ospedali di Firenze e Cagliari, indagati con l'accusa di omicidio colposo per la morte del calciatore. I due medici si sarebbero interessati delle autorizzazione per l'idoneità sportiva di Astori. 

I due medici indagati che lavorano in strutture pubbliche di Firenze e Cagliari avrebbero firmato le idoneità all'attività sportive del calciatore nonostante che, secondo quanto si è appreso, una serie di esami avessero evidenziato la presenza di extrasistoli ventricolari nel corso delle prove da sforzo a cui era stato sottoposto il calciatore. Nella sua carriera in serie A Davide Astori ha militato nel Cagliari, nella Roma e infine nella Fiorentina.

Il perito della Procura. «Le indagini fatte su Davide Astori erano 'insufficienti' per trovare la malattia che poi ha causato la sua morte, una patologia silente non facile da individuare - ha detto Domenico Corrado, docente all'Università di Padova e perito incaricato dalla procura di Firenze nell'ambito dell'inchiesta sulla morte del calciatore - Io non dico che erano sbagliate, posso solo dire che i due episodi di aritmie registrate in passato potevano indurre a fare ulteriori approfondimenti come previsto dalle linee guida».
Ultimo aggiornamento: 19:40


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma