Argentina a secco contro la Colombia. Scaloni esclude problemi con Dybala: «Un fenomeno»

Mercoledì 12 Settembre 2018 di Redazione Sport
È finita senza reti, la sfida di East Rutherford (Stati Uniti), fra Argentina e Colombia. Sempre priva di Leo Messi, ma con Mauro Icardi in campo 85', la squadra guidata dall'ex laziale Lionel Scaloni è rimasta a bocca asciutta. Il ct al 54' ha anche trovato posto a Paulo Dybala, subentrato a Palacios: pure lo juventino, protagonista di un inizio di stagione non proprio esaltante, però, è rimasto a bocca asciutta. Ieri sera il fratello dello juventino, Gustavo, si era scagliato contro la Federcalcio argentina e lo stesso Scaloni, scrivendo - in un tweet a dir poco polemico - «visto che con te non possono vincere soldi, allora non ti faranno giocare». Venuto a sapere che Paulo non sarebbe stato titolare nemmeno, nell'amichevole contro la Colombia, Gustavo Dybala non si è trattenuto, attaccando l'Afa.

«Davvero pensate che io abbia problemi con Dybala? Paulo, vieni qui: sei un fenomemo»: con questo siparietto davanti alle telecamere di TYC Sport, il nuovo ct dell'Argentina Scaloni ha chiuso il caso Dybala dopo il messaggio del fratello dell'attaccante Juve, che su twitter a poche ore dall'amichevole con la Colombia aveva contestato l'esclusione del fratello dall'undici titolare («non guadagnano soldi con te, e allora non giocherai...»). «Nessun problema con Scaloni - aveva precisato lo stesso Dybala prima del match - I tuoi familiari vorrebbero sempre che giocassi, poi magari sale la temperatura e certe frasi scappano...Ma io ho un ottimo rapporto con Scaloni e tutto lo staff tecnico della nazionale». Dybala, nell'amichevole con la Colombia finita 0-0, è entrato nel secondo tempo, giocando poco più di mezzora. © RIPRODUZIONE RISERVATA