Allegri torna sulla lite in tv con Adani: «Non si discute il lavoro altrui se non si è ferrati»

Allegri torna sulla lite in tv con Adani: «Non si discute il lavoro altrui se non si è ferrati»
3 Minuti di Lettura
Domenica 28 Aprile 2019, 21:56 - Ultimo aggiornamento: 22:50

«Mi sono arrabbiato ieri, oggi sono calmo», esordisce Allegri ospite di Fabio Fazio a «Che tempo che fa» tornando sulla lite di ieri con Adani. «È una questione di rispetto del lavoro - spiega Allegri riferendosi al battibecco con l'opinionista di Sky impegnato questa sera in Torino-Lazio - dopo una partita normale ma non mi va ogni volta di sentire la ramanzina. Mi sono arrabbiato perché io accetto le critiche, posso piacere o non piacere ma andare a discutere del lavoro altrui quando non si è ferrati no, non è giusto. Che poi - dice ancora Allegri - l'anno scorso è successa la stessa cosa con l'Inter, dopo il 2-3 di Higuain».



E infatti, lo scorso anno, dopo la vittoria sull'Inter, andò in scena il primo «scontro» in diretta tv, con l'affermazione di Allegri a travolgere le idee dell'ex difensore: «Fate troppa teoria, il calcio è semplice». Un aspetto che l'allenatore bianconero ha sempre messo in evidenza, la semplicità contro chi di schemi e teoria vive, contrapposizione che nel post partite di Inter-Juventus è esplosa in tutta la sua virulenza. Dopo le allusioni di Adani, che ha evidenziato il bel gioco dell'Ajax contro la Juventus in Champions League, è arrivata la reazione: «Allenare - ha risposto Allegri - non vuole dire fare gli schemi. Al giorno d'oggi sono tutti teorici, io sono un pratico». Attaccando poi Adani, accusato di «leggere i libri non sapendo niente di calcio», ma anche di «non aver mai allenato»: quando Allegri ha zittito il commentatore Sky, sottolineando «i sei scudetti vinti», è esplosa la reazione di Adani: «Stai zitto lo dici a tuo fratello». Un episodio spiacevole, proseguito fin quando Allegri non ha abbandonato il collegamento, schizzando in mixed zone infuriato: «Adesso comando io - ha intimato allo staff comunicazione Juventus -, non parlo più con nessuno».

Questa sera, ospite di Fabio Fazio, Allegri è tornato sull'episodio sottolineando il suo punto di vista. Difficile immaginare che alle sue parole possano seguire fatti, visti gli obblighi imposti dalla Lega Serie A, altrettanto pensare che il nervosismo di Allegri fosse causato dall'imminente incontro con Agnelli per discutere del futuro: sempre da Fazio Allegri ha annunciato «rimango alla Juve, ho ancora un anno di contratto». Che la Juve non giochi bene, in relazione al potenziale a disposizione, è un dato di fatto, almeno quanto il primo comandamento dell'essere bianconeri: vincere è l'unica cosa che conta. Anche a scapito del bel gioco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA