Tripletta di Lucas Moura, il Tottenham ribalta l'Ajax da 2-0 a 2-3 e vola in finale contro il Liverpool

Mercoledì 8 Maggio 2019 di Valerio Cassetta
2
Semifinale Champions League Ajax-Tottenham

Non succedono solo ad Anfield Road. Le rimonte impossibili accadono anche alla Johan Cruyff Arena di Amsterdam. Il Tottenham nella semifinale di ritorno di Champions League vince 3-2 contro l'Ajax, ribaltando la sconfitta per 1-0 nella gara d'andata. Un'impresa pazzesca per i ragazzi di Pochettino, trascinati da Lucas Moura, autore di una tripletta. Il brasiliano nella ripresa prima ristabilisce l'equilibrio, pareggiando il conto dei gol segnati da De Light e Ziyech nel primo tempo. Poi allo scadere realizza la rete che vale il pass per la finale di Madrid. Il 1 giugno al Wanda Metropolitano gli Spurs affronteranno il Liverpool, che martedì sera ha eliminato il Barcellona. Insomma, una finale tutta inglese che il Tottenham conquista nell'anno in cui la società ha rinunciato a fare mercato per costruire il nuovo stadio. 

ERRORI DI GIOVENTU’
Mastica amaro ten Han, che aveva accarezzato il sogno di volare nella capitale spagnola fino al minuto 96. Costano cari al tecnico olandese gli errori di gioventù dei suoi ragazzi che nel secondo tempo crollano sul più bello. La maturità degli inglesi fa la differenza alla lunga. Moira diventa l’eroe nella notte di Amsterdam e pensare che neanche avrebbe dovuto giocare. L’infortunio di Kane (stagione finita), accusato nella sfida ai quarti con il Manchester City, gli ha spalancato un posto da titolare. I tre gol sono il modo migliore per ripagare la fiducia di Pochettino e mettere paura al Liverpool, impegnato anche per vincere la corsa al titolo in Premier League.

LEGGI LA CRONACA

 

Ultimo aggiornamento: 9 Maggio, 11:16


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma