Atalanta vince in casa dell'Ajax 0-1 ed è ancora agli ottavi in Champions

Mercoledì 9 Dicembre 2020 di Paolo Vavassori

L'Atalanta espugna Amsterdam, conquista una storica seconda qualificazione di fila agli ottavi di Champions League e in campo spazza via le tensioni della vigilia con una prestazione rocciosa, non brillante, ma intrisa di solidità e di mentalità vincente. Basta una puntura di Muriel a suggellare una partita in cui sarebbe bastato anche il pareggio. Missione compiuta dunque. E agli ottavi ci va di slancio con 11 punti in tasca.

E' stata una vigilia in subbuglio per l'Atalanta dopo il diverbio Gomez-Gasp di settimana scorsa durante la sfida con il Midtjylland. In campo, però, l'Atalanta è stata compatta più che mai. Non ha entusiasmato con un gioco ruggente, ma è stata strategicamente impeccabile: coriacea, quadrata, granitica, soprattutto nelle coperture difensive. Intanto dal 1' si rivede il Papu Gomez che avrebbe invece comunque saltato, insieme ad Ilicic, la partita di campionato contro l'Udinese, rinviata poi per maltempo. Ilicic resta in panchina, come Muriel che poi diventa match winner. Gasp si affida di nuovo alle geometrie razionali di Pessina in posizione di trequartista, con Zapata-Gomez di punta. Il primo tempo scivola via senza sussulti, con l'Ajax che domina il fraseggio ma non incide sulla trequarti e non tira mai in porta. E l'Atalanta che non incanta, ma gestisce con ordine subendo il palleggio olandese senza mai andare in affanno. Anzi, l'occasione più succulenta capita proprio sui piedi nerazzurri a metà circa del primo tempo: Gomez ispira, Zapata rifinisce e de Roon di prima intenzione, da buonissima posizione, non inquadra la porta. Gli olandesi sono bravi nel costruire la solita ipnotica ragnatela di passaggi, ma non sono mai pericolosi. Tranne nel rush finale dei primi 45' quando Brobbey, a centro area, è bravo a soverchiare tutti in elevazione, ma non riesce a imprimere forza alla capocciata. Sul piano del gioco la prima fetta di partita è piuttosto spenta, ma l'inerzia del match gioca a favore dell'Atalanta, a cui basta il pari per staccare il biglietto degli ottavi di Champions. Nella ripresa l'Atalanta trema e viene salvata da Gollini sulla zampata ravvicinata di Klaassen: è l'unica sbavatura difensiva del match. Poi l'Atalanta, per il resto, controlla, gestisce sapientemente i ritmi e affonda gli artigli con Muriel per il gol della sicurezza. E' la vittoria della maturità. Di una squadra che ha ormai una statura europea ben definita e una personalità che le permette di non sbagliare gli appuntamenti importanti. L'Atalanta va avanti in Champions da seconda del girone alle spalle del Liverpool. E chiude la serata festeggiando in campo un altro successo storico per il club.

LEGGI LA CRONACA

Ultimo aggiornamento: 21:35
© RIPRODUZIONE RISERVATA