Addio De Rossi, la protesta è mondiale: da New York a Sydney tifosi in coro «Pallotta vattene»

Addio De Rossi, la protesta è mondiale: da New York a Sydney tifosi in coro «Pallotta vattene»
di Gianluca Lengua
2 Minuti di Lettura
Venerdì 17 Maggio 2019, 09:55

Il mancato rinnovo a Daniele De Rossi è stato vissuto come un vero affronto dai giallorossi. Nelle ore successive alla notizia è montata la protesta contro il presidente James Pallotta non solo nella Capitale e sui social, ma anche nelle più gradi città del mondo che sono state tappezzate con striscioni indirizzati al presidente della Roma: «Pallotta fucking pupazzo ce semo rotti il ca…» è quanto si legge su uno striscione esposto a New York con vista Manhattan, mentre a Sydney in Australia i tifosi della Roma hanno scritto: «Pallotta Vattene». Nella notte, invece, sono comparsi nella Capitale altri striscioni con toni decisamente più forti: «Pallotta, Baldini e Baldissoni che bel trio di co…», «Pallotta figlio di tr…Monchi e Fienga i tuoi boia», «No al nuovo stadio» e sotto casa di De Rossi una richiesta «Daniè caricaci ancora sulle spalle…Dove il tempo non esiste». Oggi alle 15 davanti alla sede amministrativa del club all’Eur in piazza Guglielmo Marconi i tifosi si riuniranno per un sit-in contro la società. 

CONTESTAZIONE SOCIAL
Se le pagine social del club sono state prese d’assalto dai contestatori, il ristorante Nebo delle sorelle Pallotta a Boston è stato costretto a chiudere l’account Facebook per i troppi insulti rivolti al fratello. I tifosi della Roma, poi, si sono spostati sulla pagina ufficiale dei Boston Celtics, la squadra di Nba in cui Pallotta avrebbe delle partecipazioni. Intanto l’avvocato dei tifosi Lorenzo Contucci ha invitato tutti a “salutare” tutti i lettori sulla pagina di “Boston 25 news” alle 19.27 di questa sera quando nella città statunitense saranno le 13.27.

© RIPRODUZIONE RISERVATA