Virtus Roma, da domani al lavoro per il gran ritorno in serie A

Giovedì 8 Agosto 2019 di Marino Petrelli
Jerome Dyson ai tempi di Sassari
La nuova Virtus Roma è pronta al ritorno in Serie A dopo quattro anni di assenza. Lo fa con una squadra profondamente rinnovata rispetto a quella che ha vinto il campionato di A2. Giocatori di grande esperienza come Jerome Dyson in cabina di regia, campione d’Italia con Sassari, e Davon Jefferson, uno dei migliori pivot della passata stagione con la maglia di Cantù. Una speranza, Tomas Kyzlink, nato in Repubblica Ceca nel 1993, la passata stagione molta panchina a Venezia, ma dai buoni trascorsi a Siena e agli sloveni dell’Helios dove ha giocato la Champions League nel 2016 a 14.4 punti di media partita. E qualche scommessa come Skyler Flatten, in uscita dal college di South Dakota State e alla sua prima esperienza da professionista.

LE SPERANZE
Il tutto condito da un gruppo di italiani solidi. Piero Bucchi, confermato allenatore dopo la promozione della passata stagione, scommette sulla bontà del nuovo gruppo. «La squadra è stata fatta insieme alla società e con l’ottimo lavoro del direttore sportivo Valerio Spinelli. Abbiamo fatto scelte condivise, il gruppo nel complesso è buono, ci sono ottimi giocatori e alcune scommesse che sono certo riusciremo a vincere». E aggiunge: «Voglio usare il termine esordienti più che scommesse. Da Baldasso ad Alibegovic, fino a Moore e al giovane Farley si affacciano tutti per la prima volta in Serie A. Rullo e Pini l’hanno assaggiata in periodi diversi, ma sono convinto che saranno all’altezza. Salvarci è l’obiettivo primario, ma anche consolidare e mantenere una categoria non facile e che ritroviamo dopo anni. Quest’anno scendono due squadre su 17, il rischio è molto maggiore, dobbiamo tenere dietro di noi quante più squadre possibili». Altra grande novità è all’area marketing ed eventi dove è arrivato Nicola Tolomei, uomo esperto del settore, intenzionato «a sviluppare consensi per il club e per un brand straordinariamente unico rappresentato dalla città di Roma», come lui stesso ha dichiarato. La squadra si ritroverà domani al centro sportivo Tellene, vicino Castel Porziano, per cominciare il ritiro il giorno dopo. Prima amichevole il 18 agosto contro Syracuse University, l’ultima il 18 settembre contro Rieti. Da lunedì 12 agosto parte la campagna abbonamenti “Amo Roma, tifo Virtus”. Prezzi leggermente ritoccati rispetto alla passata stagione, ma il palcoscenico è certamente più allettante. «Abbiamo bisogno del nostro pubblico, ancora di più della passata stagione. La serie A è un patrimonio di tutti – aggiunge Bucchi -. Giochiamo ancora al Pala Eur, una struttura importante che è la nostra casa. La stagione non sarà semplice, ecco perché vogliamo tanti abbonati e tifosi». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Se il figlio non sta mai fermo la soluzione è tre sport in uno

di Mimmo Ferretti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma