Virtus Roma, non basta il cuore. Vince Bologna che trema nel finale

Mercoledì 25 Settembre 2019 di Marino Petrelli
Esordio amoaro per la Virtus Roma. Al Pala Dozza finisce 74-67. Il secondo quarto è decisivo: Bologna lo vince 23-12 con 17 rimbalzi offensivi in dieci minuti. Nel terzo periodo la Segafredo allunga fino al +22 e la partita è virtualmente chiusa, anche se Roma prova più volte a rientrare senza riuscirci completamente. Pesa il dato dei rimbalzi, 53 contro 37, di cui 24 offensivi, e i punti dalla panchina, appena sette quelli segnati da Roma. Markovic è un piacere per gli occhi, 12 assist per lui, Weems è il terminale offensivo con 19 punti e 10 rimbalzi. Per Roma, non bastano i 17 punti a testa di Buford e Kyzlink, i 10 di Baldasso e i 12 di Pini che ha lasciato molto presto il campo, forse per problemi alla schiena. Negli altri anticipi, vincono Trento su Pistoia e Brescia su Reggio Emilia al termine di una partita bellissima. Ieri la Fortitudo Bologna aveva espugnato il campo di Pesaro, domani le altre partite della prima giornata.

Senza Dyson e Jefferson, il primo per un problema fisico che rischia di tenerlo fuori dal campo anche domenica prossima contro la sua ex Brindisi e il secondo per un disguido burocratico, Roma trova in Buford e Pini. due protagonisti forse inaspettati. I canestri dei due e la buona difesa permettono ai romani di restare in scia. Dopo dieci minuti è 17-16. Bologna, pur con qualche errore nella circolazione di palla, è più fisica, i rimbalzi in attacco, 17 contro due, pesano e Roma sbanda. Ricci con cinque punti in fila, Gaines con canestro e libero aggiuntivo mandano la Segafredo sul 36-25 al 17esimo. Kyzlink impedisce ai bolognesi di scappare via e al riposo lungo è 40-29

Bologna è reattiva anche ad inizio terzo periodo. Markovic illumina con assist alla "Teodosic" (il giocatore potrebbe rientrare ai primi di ottobre), Weems segna da tutte le parti, Bologna vola sul 56-34 al 25esimo e la partita sembra chiusa. Baldasso e Alibegovic riducono sul 59-46, Buford con due triple manda la Virtus al terzo riposo sotto "appena" 64-52, che è molto meno pesante rispetto a quanto visto fino a quel momento. Roma prova una rimonta, 64-55 al 34esimo. Gamble e Ricci segnano il 70-57, Roma torna sul 70-62 al 38esimo, poi 71-66 nell'ultimo minuto. Manca la lucidità necessaria per chiudere la rimonta, Bolgna vince 74-67. Domenica prossima esordio al Pala Eur contro la Happy Casa Brindisi, altro amarcord per Piero Bucchi. Ma dopo i saluti "romantici", in campo dovrà essere battaglia. 





  Ultimo aggiornamento: 23:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma