Nona sinfonia della Virtus Bologna. Sassari tiene il passo, Milano sconfitta

Domenica 17 Novembre 2019 di Marino Petrelli
La Virtus Bologna soffre a Trieste, ma riesce a vincere al supplementare restando imbattuta in campionato dopo nove partite. Ancora una volta Milos Teodosic la decide nel finale con giocate sopraffine. Dietro, la Dinamo Sassari, ieri sera vittoriosa in casa contro Reggio Emilia, tiene il passo agganciando al secondo posto Brindisi che oggi ha riposato. Sconfitta Milano in casa della Fortitudo, seconda vittoria per Pistoia. Nell'anticipo di mezzogiorno, l'Aquila Trento perde 79-89 contro la Vanoli Cremona. Partita in equilibrio per 30 miinuti, 63-66, poi Cremona allunga nell'ultimo periodo con la forza del collettivo. Cinque giocatori che hanno segnato 14 punti e più. A Trento, senza Craft infortunato, non basta Gentile da 25 punti e 6 assist e Blackmon con 16 punti. 

De Longhi Treviso - Germani Brescia 72-68 
Partita poco brillante per la Leonessa, il cui unico vantaggio è sul 2-4, poi Treviso indirizza la partita. 11- 8 con la tripla di Fotu, 20-14 al decimo, 29-22 ancora con Fotu da tre punti. Al riposo lungo é 38-29. Treviso impedisce alla Leonessa di riavvicinarsi, la terza tripla di uno scatenato Fotu regala il 54-45 al terzo riposo. Brescia ha un sussulto fino al meno due, 54-52), ma il solito neo zelandese (alla fine 23 punti per lui) e Nikolic rilanciano i padroni di casa sul 65-58 al 37esimo. Quando la partita sembra chiusa, Lansdowne e Moss la riaprono. A 25 secondi dalla fine é 70-68. Logan non trema dalla lunetta e chiude 72-68. Treviso sale ancora in classifica.

Openjobmatis Matis Varese - Umana Venezia 93-91 (dts) 
Masnago si conferma tabu per la Reyer, anche se la partita vive di numerosi colpi di scena. I padroni di casa danno un'impronta alla partita con un primo quarto da 24-14, poi vanno 41-28 al riposo lungo. Varese resta avanti 47-35, poi la partita cambia improvvisamente. Bramos e De Nicolao riavvicinano 53-48, poi 59-57. Varsse ha ancora la forza di un parziale da 9-0 per il 68-57, poi smette di segnare. Chappel da tre e Daye regalano il 74-75 a 35 secondo dalla fine. Simmons pareggia con un libero, 75-75, Daye sbaglia da tre, si va al supplementare. Perfetta parità, a vene e Mayo, rispondono chappell e daye: 82-82 al 43esimo. Mayo é scatenato, due triple per il 90-85. Tonut riavvicina per il 93-91, chappell ha il tiro del pareggio ma lo sbaglia. Finisce 93-91, Venezia ancora senza vittorie in trasferta.

Pallacanestro Trieste - Segafredo Bologna 85-89 (dts)
Trieste non ha paura della capolista e gioca una partita di grande spessore, pur subendo alla fine. 20-16 al primo quarto, poi 48-35 al riposo lungo, sospinta da Elmore e Cavaliero e tirando con il 62 per cento da tre. Trieste  sente la pressione e per  oltre 5 minuti non segna, la virtus ritrova il meno (48-45) con un parziale di 0-10. Il sorpasso si concretizza sul 51-53 con un canestro di Gaines. Trieste ha un sussulto, 58-53, e chiude 60-55 il terzo periodo. Padroni di casa avanti 71-66 al 38esimo, ma Bologna reagisce da grande squadra e trova la parità allo scadere con due liberi di Teodosic. Cavaliero sbaglia il canestro della vittoria e si va al supplementare. Elmore e Peric trovano il vantaggio interno, 81-80, ma Teodosic (alla fine 24 per lui e sei assist) inventa sette punti in fila e la Virtus vince 85-89 restando imbattuta con la nona vittoria in fila. 

POMPEA BOLOGNA - AX MILANO 85-80
Impresa della Fortitudo che batte una Milano un pò stanca per le fatiche di Eurolega. Il tentativo di rimonta dal meno 21 al meno due non va a buon fine per l'Olimpia contro la miglior Fortitudo di stagione. Bologna gioca di squadra e vola 22-14. I canestri di Aradori e tanti secondi tiri maturati da molti rimbalzi in attacco danno alla Pompea il massimo vantaggio al riposo lungo, 45-31. Le triple di Leunen, le preziose giocate di Robertson e la difesa asfissiante lanciano i padroni di casa 57-36 al 26esimo. L'Olimpia prova a rientrare, 61-51 al 30esimo. Sims (17 punti alla fine) riporta Bologna avanti di 14 punti, ma l'intensità si riduce e Milano ne approfitta per recuperare punto dopo punto. A 12 secondi dalla fine è 84-80 ma la Fortitudo non trema e vince 85-80 la quinta partita in campionato.

ORI ORA PISTOIA  - ACQUA SAN BERNARDO CANTU' 77-69
Seconda importatissima vittoria di Pistoia che supera Cantù, la riavvicina in classifica, ma soprattutto aggancia Trieste a quota quattro punti e con il confronto diretto a favore. Nonostante i problemi di infermeria, la Ori Ora gioca una partita grintosa. Al settimo è 13-9, poi 17-14. I toscani provano l'allungo sul +8, ma Burnell ricuce sul 27-26. Al 17esimo è parità sul 33, il sorpasso ospite si concretizza al riposo lungo, 35-38. Landi rientra molto caldo e riporta avanti Pistoia, Petteway e Wheatle, che gioca con una mano fuori uso, danno il +10 sul 61-51. Burnell e Clark riavvicinano Cantù sul meno due, ma Dowdell sigla il 68-61. E' lo scossone decisivo al pari di un fallo tecnico fischiato a Cantù. Salumu chiude 77-69. Pistoia "rivede" la salvezza dopo molte settimane, Cantù resta in zona pericolo.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma