Pietro Aradori, il post no-vax del cestista: «Emergenza sanitaria non esiste». Poi ritratta: «Mi vaccinerei oggi stesso»

Il cestista Pietro Aradori e il post negazionista: «Emergenza sanitaria non esiste» Poi ritratta: «Mi vaccinerei oggi stesso»
di Alessio Esposito
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 24 Marzo 2021, 20:05 - Ultimo aggiornamento: 21:33

Prima il post su Facebook, un messaggio dai contenuti chiaramente negazionisti e no-vax, poi la smentita via Instagram. È stata una giornata movimentata quella vissuta dal cestita Pietro Aradori, giocatore della Fortitudo Bologna, che soltanto alcune ore fa pubblicava una citazione - attribuita al blogger Cesare Sacchetti - in cui sembra negare l'esistenza del Covid. «Il sistema sta gonfiando artificialmente una emergenza sanitaria che non esiste», scriveva Aradori, aggiungendo: «Perché fare un vaccino che di fatto è inutile contro queste presunte mutazioni?».

Il Covid? «Bastano erbe e vapore, niente mascherine». Il presidente della Tanzania Magufuli muore contagiato

Il giocatore di basket, dopo essere stato sommerso dalle critiche, ha cancellato il post e si è giustificato con una storia Instagram in cui chiarisce quelle che sono le sue opinioni: «Io non sono un negazionista - scrive - e farei il vaccino oggi stesso. Il discorso che ho postato verteva su altri punti ma può venire strumentalizzato. Non travisate parole non mie utilizzandole a vostro piacimento. Uso sempre tutte le precauzioni perché è corretto e ci credo. Un abbraccio a tutti». Aradori, quindi, si giustifica affermando di non essere negazionista e no-vax, spiegando inoltre che il post condiviso in precedenza poteva prestarsi a più interpretazioni. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA