Gallinari e i Nuggets piegano Anthony Davis,
Bargnani non basta ai Knicks, Belinelli c'è

Gallinari e i Nuggets piegano Anthony Davis, Bargnani non basta ai Knicks, Belinelli c'è
2 Minuti di Lettura
Lunedì 16 Marzo 2015, 12:11 - Ultimo aggiornamento: 12:18

Danilo Gallinari firma 17 punti nel successo dei suoi Denver Nuggets (26-41) sui New Orleans Pelicans (36-30) piegati dopo due tempi supplementari con il punteggio di 118-111. L'ex Olimpia Milano parte nel quintetto e resta in campo per 42 minuti andando a referto anche con 4 rimbalzi e 4 assist. Per la franchigia del Colorado ottime prove anche da parte di Kenneth Faried (20 punti e 10 rimbalzi), Ty Lawson (19 punti e 9 assist) e Will Barton (25 punti e 9 rimbalzi). Per i Pelicans, a cui non è bastato uno stellare Anthony Davis da 36 punti, 14 rimbalzi, 9 stoppate e 7 assist, sconfitta pesante e sorpasso subito dagli Oklahoma City Thunder nella corsa all'ultimo posto per andare ai play-off nella Western Conference.

Un'altra buona prestazione di Andrea Bargnani non è servita ai Knicks (13-53) ad evitare il ko a Phoenix contro i Suns (35-33) che si impongono in casa per 102-89. Il 'magò è il miglior marcatore dei suoi con 18 punti a cui aggiunge 3 assist. Il team dell'Arizona ringrazia la serata di grazia di Eric Bledsoe che sfiora la tripla doppia con 21 punti, 11 assist e 9 rimbalzi e la solidità sotto i tabelloni di Brandon Wright (18 punti con 7/8 al tiro e 11 rimbalzi).

Marco Belinelli segna 13 punti e contribuisce alla comoda vittoria casalinga di San Antonio (41-24) su Minnesota (14-51) per 123-97. La 'guardià di San Giovanni in Persiceto parte dalla panchina e gioca 21 minuti tirando con un buon 5/10 (3/6 da tre). Tra i nero-argento l'unico a segnare più dell'azzurro e Kawhi Leonard a quota 15. Unica nota stonata per i campioni del mondo in carica l'infortunio alla caviglia per Manu Ginobili che terrà fuori l'argentino per una decina di giorni. Per i T'Wolves, che pagano le assenke di Ricky Rubio e Nikola Pekovic, non bastano i 19 punti di Kevin Martin e i 18 di Zach LaVine.