Nba si ferma, caso Blake: partite boicottate da Bucks, Lakers e Rockets. Lebron: «Vogliamo un cambiamento»

Mercoledì 26 Agosto 2020 di Gianluca Cordella

La bolla di Orlando un posto nei libri di storia ce l'aveva già. Era il simbolo della ripartenza della sport americano, della vita che si riprendeva il suo spazio a colpi di spallate in piena diffusione del Covid. Da stanotte quel posto lo legittima con una delle proteste più forti e decise che il mondo dello sport possa ricordare. I Bucks si fermano. E con loro tutta la Nba. Lo fanno per protestare contro il ferimento di Jacob Blake, il 29/enne colpito alla schiena dalla polizia a Kenosha, Wisconsin. A pochi passi da dove i Bucks si allenano. E nella stessa area in cui era stato ucciso nei mesi scorsi George FloydMilwaukee questa volta dice no, lo urla. La squadra della star Giannis Antetokounmpo decide di boicattore gara5 del primo turno di playoff contro gli Orlando Magic. 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Every other team voted to continue, per @shamsnba

Un post condiviso da Bleacher Report (@bleacherreport) in data:


I Bucks devono scendere in campo alle 22 italiane ma non lo fanno, anzi restano chiusi negli spogliatoi non consentendo nemmeno ai commissari Nba di entrare. Quelli di Orlando, al contrario, sono sul parquet per effettuare il riscaldamento, ma quando vengono informati della protesta lasciano il campo a loro volta a quattro minuti dalla palla a due. Secondo The Athletic i Magic non hanno gradito la protesta dei Bucks (ma poi arriva il tweet della famiglia DeVos, proprietaria dei Magic, dai toni molto chiari:
«Ci uniamo alla NBA, all’associazione giocatori, ai Milwaukee Bucks e al resto della lega condannando l’intolleranza, l’ingiustizia razziale e l’uso ingiustificato della forza da parte della polizia contro le persone di colore»). E comunque i Magic rifiutano la vittoria a tavolino che spetterebbe loro di diritto. È il segnale che la protesta non è più soltanto dei Bucks ma di tutta la Nba. E infatti a stretto giro di posta arriva il rifiuto anche di Houston e OKC, che dovrebbero cominciare poco dopo, seguito da quello di Lakers e Portland, a loro volta attesi da gara 5. La Nba comunica che i tre match sono rinviati a data da destinarsi ma non sono cancellati. I giocatori si riuniranno nella serata americana per fare il punto sul da farsi: la sensazione è che questa volta la protesta, davvero, potrebbe non finire qui.

Intanto sui social esplode la rabbia dei giocatori e capofila è il Prescelto, LeBron James, che attacca durissimo: "Fanculo a tutto questo!!!! Noi chiediamo che ci sia un cambiamento. Siamo stufi di tutto ciò".
 

LEGGI ANCHE 
Wisconsin, spari tra manifestanti: un morto e alcuni feriti durante le proteste per il caso Blake

Wisconsin, polizia spara alla schiena a un afroamericano disarmato

Wisconsin, due morti negli scontri per il caso Blake: arrestato un 17enne bianco

Ultimo aggiornamento: 27 Agosto, 10:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA