Nba donne, denuncia choc di Candice Wiggins: «Io bullizzata perchè etero»

Mercoledì 22 Febbraio 2017 di Redazione Sport
Bullizzata perché etero. Una colpa imperdonabile in un mondo «composto al 98% da donne omosessuali». Che «a forza di confrontarsi con gli uomini, finiscono per comportarsi come loro». È la denuncia lanciata da Candice Wiggins, 30 anni, per otto giocatrice della Wnba, l'equivalente nel basket femminile dell'Nba. Lo scorso marzo ha deciso di ritirarsi, dopo aver sopportato molestie ed offese dalle colleghe che la vedevano «diversa», pericolosa infiltrata in una «cultura dominante molto conformista, che per me era diventata tossica. Il mio spirito e la mia voglia di giocare sono stati spezzati». Ed i successi sul campo avevano sempre un lato oscuro, descritto in un libro prossimo all'uscita che promette dovizia di particolari. La cestita di colore ha raccontato il suo calvario al San Diego Union Tribune. «Nulla nella Wnba ha corrisposto ai miei sogni - ha detto la Wiggins, che prima di diventare professionista è stata una stella della Stanford University - anzi, tutto il contrario. Il messaggio che ricevevo era 'noi sappiamo chi sei e tu devi sapere che non ci piacì ». L'ex giocatrice ha descritto il clima in cui era coinvolta, creato non solo dalle avversarie, ma anche dalle compagne, soprattutto nel suo primo anno da professionista: «C'è molta gelosia. In vita mia non mi sono mai sentita dare della 'puttanà così spesso. Cercavano di farmi male in ogni modo». Aver giocato anche all'estero - con squadre professionistiche in Spagna, Turchia, Israele e Grecia - ha per lei gettato una luce ancora più cruda sull'esperienza nella Wnba. Che però, conclude «mi ha resa più forte. Non ho nemici nella vita». Com'era prevedibile, la denuncia della Wiggins - «non un atto di coraggio, ma sarebbe stato vile da parte mia tacere» - ha scatenato un vespaio nel mondo del basket femminile. Non sono mancati gli attestati di solidarietà da parte di colleghe, ma altre hanno negato di aver mai subito esperienze simili, rimproverandole - come ha scritto sul proprio sito Imani Boyette, dei Chicago Sky - la scelta di «gettare fango su un'intero campionato, voltando le spalle al mondo nel quale hai costruito la tua carriera. Mi hai fatto male». E Monique Currie, giocatrice di San Antonio, nel proprio blog ha messo in dubbio che Wiggins abbia mai vissuto le esperienze descritte: «In 11 stagioni mai sperimentato episodi di bullismo». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma