La Virtus Roma affronta Agropoli domani al Palazzetto (ore 16)
Attilio Caja festeggia le 250 panchine con Roma: «Dobbiamo ripartire»

Sabato 13 Febbraio 2016
Attilio Caja
Anticipo di San Valentino per l’Acea Virtus Roma, che domani pomeriggio alle 16 al Palazzetto dello Sport affronterà la BCC Agropoli nell’incontro valido per la 21esima giornata di serie A2 Ovest. La matricola campana, tra le rivelazioni di questo campionato, è reduce dalla vittoria esterna sul campo di Rieti per 80-88 e occupa la terza posizione in classifica a quota 24 punti in compagnia di Tortona e Siena.
La squadra guidata da Antonio Paternoster può fare affidamento sul quinto miglior attacco del girone, alimentato dagli americani Mark Trasolini, secondo miglior realizzatore del girone con 22.4 punti di media, e Terence Roderick, terzo con 19.9 punti a partita.
La Virtus torna al Palazzetto quindici giorni dopo la vittoria nel derby contro Rieti. La squadra ha svolto nella mattinata l’allenamento di rifinitura, tutti i giocatori saranno a disposizione per la sfida di domani, alla quale assisteranno anche i ragazzi dell’iniziativa «Porte aperte alle scuole». Continua la promo speciale per i virtussini innamorati, che potranno usufruire della promozione «Virtus x2», acquistando un secondo biglietto per il proprio partner al prezzo speciale di 1 euro.
Coach Attilio Caja, che domani festeggerà le 250 presenze in campionato sulla panchina della Virtus, ha presentato così la sfida: «Domani affronteremo la squadra terza in classifica, prima per gran parte del campionato e sostenuta da un cammino importante. La coppia Trasolini-Roderick è una delle più produttive di tutto il girone, ma accanto a loro Agropoli può contare su una batteria di tiratori dall’arco molto pericolosa. Memori della partita di andata dovremo limitare tutti i loro punti di forza. Ad Agropoli abbiamo perso di un punto con un tiro allo scadere, quella gara fa il paio con i supplementari di Agrigento e le due contro Casalpusterlengo che avrebbero potuto cambiare diametralmente la nostra stagione. Parliamo comunque di partite perse per episodi, in cui tutto si riferisce ad un solo tiro, ma che non cancellano le prestazioni positive mostrate sul campo. Dobbiamo soltanto ripartire da quelle buone prestazioni traendo fiducia per questo ultimo sprint stagionale».
  © RIPRODUZIONE RISERVATA