Italbasket beffata sulla sirena. La Russia vince 72-70

Venerdì 9 Agosto 2019 di Marino Petrelli
Una partita vera e diversa rispetto a quella giocata contro il Senegal. L'Italia la perde in volata 70-72 con una tripla della Russia a un secondo e due decimi dalla fine, dopo averla controllata per 39 minuti. Brian Sacchetti e Gentile con 13 punti a testa, coach Sacchetti soddisfatto a metà. Positiva la gestione per lunghi tratti della partita, ma il calo nell'ultimo quarto sarà motivo di attenzione e monitoraggio per lo staff tecnico della Nazionale.

Ancora senza Gallinari, Datome e Cinciarini, restano fuori per le rotazioni Moraschini, Michele Vitali e Ricci. Esordio per Belinelli. La partita comincia con notevole ritardo per il cambio della retina di uno dei due canestri. Hackett è ispirato in regia, Gentile trova il 12-2 con un canestro e tiro libero. Le triple di Belinelli e Abass e il buon lavoro di Tessitori mandano l'Italia avanti 22-7 al decimo. Arriva il massimo vantaggio, 24-7, poi la Russia si scuote. Fridzon mette la tripla del 24-15, gli ospiti arrivano fino al 30-28. Tre liberi di Gentile e due schiacciate di Abass chiudono il tempo sul 40-32.

Hackett tiene avanti l'Italia 43-34, ma dopo appena due minuti è già bonus per la Russia che torna sotto, 45-41 al 24esimo. Il playmaker pesarese e Tessitori fanno le cose giuste, Brian Sacchetti e Della Valle danno ritmo in attacco, l'Italia resta avanti 58-51 al 27esimo. Al terzo riposo è 65-53. L'Italia rifiata in difesa, Motovilov e Kurbanov rimettono la Russia in corsa, 70-63 al 35esimo. Gli azzurri non segnano più, Kurbavov per il 70-69 a 36 secondi dalla fine, la Russia recupera palla e Fridzon mette la tripla del sorpasso 70-72 a meno di due secondi dalla fine. Italia beffata. Domani contro il Venezuela, che ha perso sia contro la Russia che contro il Senegal, per chiudere al meglio il torneo di Verona. Ultimo aggiornamento: 23:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma