Spagna-Lituania, ultimo atto di Eurobasket 2015
Rudy Fernandez contro l'amico Maciulis

Spagna-Lituania, ultimo atto di Eurobasket 2015 Rudy Fernandez contro l'amico Maciulis
di Carlo Santi
2 Minuti di Lettura
Sabato 19 Settembre 2015, 20:32 - Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 13:04

L’europeo del basket manda in scena stasera alle 19 la finale. Litania contro Spagna che, alla vigilia, era la meno prevedibile. Certo, più la Lituania della Spagna è la vera sorpresa di Eurobasket 2015 e la partita di ieri, la semifinale contro la Serbia più che il quarto con l’Italia, ha mostrato il volto di una squadra determinata e ambiziosa. I lituani hanno messo alla porta i favoriti per l’oro, i serbi vicecampioni del mondo traditi, nel penultimo atto, soprattutto da Raduljica e Teodosic, ma adesso il favore del pronostico per l’oro è della Spagna.

Lituania contro Spagna è una sfida che può risolversi ancora negli ultimi attimi anche se in questo europeo gli spagnoli, trascinati da un grande Gasol, monumentale in semifinale con i suoi 40 punti (degli 80 totali della Spagna contro la Francia), segnano 85,1 punti di media contro i 75 della Lituania.

Gasol, dicevamo: bomber, rimbalzista, totem. Per Sergio Scariolo, il coach bresciano degli iberici, è il punto di riferimento e in assenza di altri campioni l’uomo della Nba sa risolvere davvero tutto.

Domani il duello appare tra lui e Valanciunas sotto i tabelloni ma sarà determinante la gestione del gioco in attacco. Nel torneo abbiamo visto che la Spagna ha una circolazione di palla migliore mentre i lituani, che hanno in Maciulis un uomo che può risolvere molte situazioni critiche, spesso perde la concentrazione e perde troppi palloni. Sotto questo aspetto le statistiche dicono 14,4 palloni persi dalla Lituania e 9,9 dalla Spagna.

Valanciunas, l’uomo di Toronto che nell’europeo viaggia con 16,9 punti a gara (e 8,3 rimbalzi) sposta il gioco in area ma grande attenzione sarà da porre, come detto, a Maciulis non solo per i 14,5 punti che realizza ma per il suo 59,1% da 3 punti, un’arma letale per gli avversari.

Abbiamo detto che la Spagna è in vantaggio. Lo è perché, tralasciando il duello Gasol-Valanciunas, che può finire pari, gli uomini di Scariolo hanno più opzioni sul perimetro potendo vantare giocatori come Rodriguez, Llull, Sam Emeterio senza dimenticare Rudy Fernandez che non è in splendide condizioni fisiche (problemi alla schiena) ma vulev duellare alla pari con il suo amcio Maciulis con il quale gioca insieme al Real Madrid. "Siamo grandi amici - ha detto Fernandez - ma per una sera saremo nemici".

Tutti tiratori che dal perimetro possono fare molto male. I lituani non hanno tutti questi giocatori e al di là di Kalnietis sono troppo prevedibili. Diverse sono le opzioni della Spagna che ha più armi.

Alle 14, invece, si giocherà la finale per il terzo posto tra Serbia e Francia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA