Italia e Spagna, spareggio mondiale. Gli azzurri passano solo se vincono

Giovedì 5 Settembre 2019 di Marino Petrelli
Il destino è compiuto per tutte e 32 le partecipanti al mondiale. Da domani scatta la seconda fase, quella che si porta dietro i punti fatti nella prima fase e che deciderà le otto qualificate ai quarti di finale. L'Italia è nel gruppo J con Serbia, Spagna e Portorico. Contro la Spagna è già gara da dentro o fuori. Le due squadre si sono portate dietro rispettivamente 6 e cinque punti. Una vittoria degli azzurri darebbe la quasi certezza di arrivare ai quarti di finale. La Spagna, allenata da Sergio Scariolo, è solida in tutti i reparti, ma non è forse la stessa squadra degli anni passati. Li abbiamo battuti nel 2013 e nel 2015, erano entrambe edizioni degli Europei, ora serve la partita perfetta. 

Senza Mirotic, Chacho Rodriguez, Ibaka e altri campioni, la Spagna ha vinto tre partite nel proprio girone, segnando 82.3 punti di media con 35,3 rimbalzi e il 59,8 per cento nel tiro da due. Ricky Rubio, neo giocatore dei Suns, è il faro della squadra iberica, dopo la sua miglior stagione oltreoceano con la maglia degli Utha Jazz. Il leader riconosciuto è Marc Gasol anche lui con tante stagioni alle spalle in Nba. Llull, Fernandez e Ribas sono i marcatori, i due fratelli Hernanogomez, fino adesso un pò alterni, sanno illuminarsi in qualsiasi momento della partita. L'Italia, dal punti di vista realizzativo, segna 92,3 punti di media partita, con 32,7 rimbalzi, il 57 per cento da due e il 43,7 da tre. 

La terza giornata della prima fase a gironi non riserva particolari sorprese e delinea quelli che sono i gironi della seconda fase al via da domani. La Turchia, dopo il contraccolpo per la mancata vittoria contro gli Stati Uniti, perde anche con la Repubblica Ceca e dice addio alla seconda fase, si salva la Grecia che batte la Nuova Zelanda nello spareggio per il secondo posto dietro ad un Brasile a punteggio pieno e sempre più convincente.

Interessante il gruppo I con Argentina e Polonia con sei punti, Venezuela a cinque e Russia a 4. Quattro squadre che hanno le carte in regola per passare il turno e dare del filo da torcere anche dai quarti in poi. Anche il girone di Francia, Australia, Lituania e Repubblica Dominicana può riservare sorprese. Gli Stati Uniti, scampato il pericolo della quasi sconfitta contro la Turchia, se la vedranno contro Brasile e Grecia. Due test importanti per verificare le velleità di vittoria finale degli statunitensi. L'attesa però è tutta per l'Italia. Wuha, la citta sul Fiume Azzurro, è pronta.  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma