Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Il capitano azzurro torna a casa: Datome ha scelto Milano

Il capitano azzurro torna a casa: Datome ha scelto Milano
di Marino Petrelli
2 Minuti di Lettura
Lunedì 29 Giugno 2020, 09:30

Si sono amati e piaciuti da sempre, ora il matrimonio s’ha da fare. Gigi Datome lascia Istanbul e approda a Milano. Il capitano azzurro firmerà un contratto triennale con l’Olimpia con l’unico, grande obiettivo della sua carriera: tornare a vincere l’Eurolega che ha già alzato nel 2017 con il Fenerbahce e che ha sfiorato altre due volte, perdendo la finalissima all’ultima azione. Milano, dal canto suo, potrà sfruttare lo sgravio fiscale del 50 per cento previsto dal Decreto crescita. 

FIGLIOL PRODIGO
Datome torna in Italia dopo aver guidato la Virtus Roma nel 2013 a una sorprendente finale scudetto. Una parentesi in Nba senza grandi fortune, poi i cinque anni in Turchia al fianco di Zeljco Obradovic, condottiero in panchina e profondo estimatore del giocatore di Olbia. Dopo i colpi di Hynes, Delaney, Davide Moretti e Punter, la AX aggiunge un altro tassello di grande qualità per cercare di arrivare fino in fondo in Europa, obiettivo dichiarato da parte di Giorgio Armani, forse stanco di spendere tanto e ottenere pochissimo fuori dall’Italia. Esperienza e curriculum sono gli ingredienti della Milano della prossima stagione. Micov è classe 1985, Hines e Rodriguez dell’86, Datome dell’87. Delaney infine del 1989. Dunque, almeno 15 anni giocati ad altissimo livello in Europa. Esperienza, tanta, e altrettanto atletismo. Con Moretti, Roll e Moraschini che partiranno dalla panchina ad aggiungere qualità nei momenti che conteranno. Una panchina ancora una volta lunghissima a cui vanno aggiunti, Cinciarini Tarczewski, Brooks e Biligha, in attesa di conoscere il futuro di Gudaitis e dell’ultimo colpo di mercato, presumibilmente un’ala forte, che darà una dimensione ancora più profonda all’Olimpia. Messina gongola, quest’anno il suo lavoro è stato ancora più importante nella costruzione di una super squadra che sarà ancora più favorita in Italia e avrà un peso molto più importante in Eurolega. Gigione ha già vinto tanto, uno scudetto in Italia nel lontano 2004 con Siena e altri tre in Turchia, poi Supercoppe nazionali e vari premi individuali. I tifosi già sognano, la musica è cambiata. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA