Coronavirus, Nba sospesa: positivo l'incauto Gobert che aveva deriso in diretta chi prende precauzioni

Giovedì 12 Marzo 2020 di Gianluca Cordella
1
Rudy Gobert degli Utah Jazz

Il Coronavirus mette in ginocchio anche la lega dei giganti. Dopo la riscontrata positività di Rudy Gobert, centro francese degli Utah Jazz, la Nba ha deciso di sospendere il campionato. Il tutto è accaduto alla Chesapeake Arena pochi istanti prima della palla a due tra i Jazz e gli Oklahoma City Thunder di Danilo Gallinari. Palazzetto pieno e squadre pronte a giocare, ma arriva la notizia della positività di un giocatore. La Nba rinvia l'inizio del match, poi lo cancella e sospende il calendario a partire da domani, permettendo solo la conclusione delle sfide programmate in contemporanea con il match tra Jazz e OKC

LEGGI ANCHE--> LeBron dà una spallata alle porte chiuse. Ecco perché i tifosi stanno con lui

A quanto si è appreso, poco prima del match sono stati portati in ospedale per i controlli Rudy Gobert ed Emmanuel Mudiay, entrambi nfluenzati. E proprio il lungo francese sarebbe il giocatore positivo. Gobert che, curiosamente, nei giorni scorsi si era reso protagonista di un gesto eclatante: a una domanda sull'epidemia di un giornalista, aveva reagito toccando tutti i microfoni e registratori dei reporter davanti a lui per dimostrare di non aver paura del virus. E i cronisti americani avevano pure riso della bravata: ora saranno tutti farsi fare il tampone. Un gesto, quello di Gobert, che costerà carissimo a lui e a tutta la Nba.


«La Nba utilizerà questo momento di pausa per raccogliere altre informazioni e capire come procedere, in relazone al rischio dell'epidemia», ha spiegato un breve comunicato comparso sul sito della lega di basket più famosa del mondo. 
 


 

Ultimo aggiornamento: 16:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani