Coppa Italia, Brindisi e Fortitudo Bologna volano in semifinale

Venerdì 14 Febbraio 2020 di Marino Petrelli

PESARO - La seconda semifinale sarà tra Brindisi e Fortitudo Bologna. I pugliesi giocano una partita di grande sostanza contro una Sassari a tratti nervosa e con qualche errore di troppo sotto canestro. Banks guida i suoi con 37 punti, ne fa altri 14 Martin che nel finale trova punti di fondamentale importanza. Nell'altro quarto di finale, le difese prevalgono sugli attacchi, ma la Fortitudo trova il guizzo nel finale dopo aver a lungo inseguito. Brescia non trova mai la spallata decisiva e la squadra allenata da Antimo Martino vince con un finale tutto grinta e difesa. Sims, 17 punti, e Aradori con 16 determinanti nella vittoria. L'altra semifinale sarà tra AX Olimpia Milano e Umana Reyer Venezia. 

BANCO SARDEGNA SASSARI- HAPPY CASA BRINDISI 86-91

Avvio vivace di Brindisi con le triple di Banks e Stone per il 4-13 al quarto minuto. Martin schiaccia, Pozzecco prende un fallo tecnico per proteste, Brindisi resta avanti 9-18. Sassari alza l’intensità difensiva, rientra in partita e ritrova la parità (18-18)  con Coleby e due liberi di Pierre. Brindisi resetta e riparte con Martin e Banks per il 18-26. Il primo quarto si chiude 22-26 con un canestro di Jerrels in transizione. Si segna poco nei primi tre minuti del secondo periodo, Stone inchioda la schiacciata del 24-30, cinque punti in fila di Jerrels rimettono in corsa Sassari, 29-30 al 14esimo. La partita va ad elastico, ad ogni riavvicinamento della Dinamo risponde Brindisi che con quattro punti di Gaspardo resta avanti 31-37 al 17esimo. Punti italiani per Sassari con Michele Vitali e Spissu, al riposo lungo è svantaggio minimo 38-39

Al rientro in campo, Pierre trova il primo vantaggio della Dinamo con la tripla del 43-42 al 23esimo. Brown, ancora a zero punti, commette il suo quarto fallo e Vitucci è costretto a cambiare i suoi piani. Sutton mette i suoi primi quattro punti della partita per il 47-51 al 26esimo. La partita sale di intensità e con essa le realizzazioni ad alta percentuale. Al solito Banks in formato deluxe risponde Jerrels con la tripla del 59-59. Al terzo riposo è 61-64. Anche Stone al quarto fallo, ma Brindisi non trema, Gaspardo appoggia il 61-68 e Pozzecco chiama subito un minuto di sospensione per evitare che i pugliesi scappino via. Il time out regala un parziale da 13-3 per il 74-71 al 34esimo. Due triple di Zanelli e Martin riportano avanti Brindisi 74-77, Jerrels rimette le cose a posto nemmeno a dirlo con una tripla. Ultimi tre minuti da brividi. Banks e Sutton lanciano i pugliesi 82-85, Jerrels impatta con la sua quarta tripla di serata. Martin inventa la tripla dell’85-88 con la palla che si arrampica sul ferro e cade nel canestro avversario. Sassari non ne ha più, Pierre sbaglia un libero sul meno tre, Banks, 37 punti e 12/20 dal campo la chiude. Vince Brindisi 86-91 (pur tirando peggio dal campo e prendendo meno rimbalzi) e vola in semifinale

GERMANI LEONESSA BRESCIA - POMPEA FORTITUDO BOLOGNA 73-76

Dopo Brindisi e Sassari, il bianco e il blu sono dominanti anche nella seconda partita. Lo spettacolo è tutto sugli spalti nel pre gara, grazie a quasi 2 mila tifosi arrivati da Bologna e tantissimi arrivati anche da Brescia. La Leonessa parte bene, 10-7 al quarto minuto, ma Aradori e Mancinelli sono ispirati e la Fortitudo tiene bene. Il primo quarto si chiude 17-17 con percentuali piuttosto basse da entrambe le parti. Cinciarini spezza la parità con due tiri liberi per il 21-22 al 13esimo, poi Abass e Lansdowne puniscono due volte dall’angolo, Brescia vuole scappare ma Leunen e Sims non sono d’accordo. Brescia resta avanti 34-33 al riposo lungo. Abass e Vitali danno respiro all’attacco della Leonessa e trovano il 41-35 al 24esimo. Brescia resta avanti con un tiro dalla media di Vitali (che tocca doppia cifra di punti) e una tripla dall’angolo di Lansdowne per il 48-41. La Fortitudo, sospinta dal tifo incessante dei suoi tifosi, non molla, torna sul meno uno ma prende un antisportivo molto dubbio su Daniel. E viene ricacciata indietro da Brian Sacchetti. Al 28esimo è 54-47, al terzo riposo è 56-53.

Un gioco da quattro punti di Aradori tiene la Fortitudo in scia sul meno uno, Moss è un fattore in attacco per Brescia con la tripla del 62-57, ma in difesa commette il suo quarto fallo. Mancinelli ha la palla del pareggio ma il suo sotto mano si segue sul ferro. Ci pensa Aradori per impattare sul 64 a quattro minuti dalla fine. Daniele Cinciarini inventa un canestro e prende un fallo che lo manda in lunetta per il 66-69, poi Sims, dominante nell’ultimo periodo (alla fine 17 punti e 9 rimbalzi), segna dai cionque metri il 66-71 a 90 secondi dalla fine. Fantinelli mette la tripla del 69-74 da oltre sette metri. Sembra finita, prima Luca Vitali poi Cain riducono fino al 73-74. Due liberi di Fantinelli fissano il 73-76, non c'è più tempo, la Pompea vola in semifinale e, da neopromossa, affronterà Brindisi, in una partita che porterà a Pesaro centinaia di tifosi, ancora di più di oggi. Lo spettacolo è assicurato anche per le semifinali.
 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma