Brutta Virtus Roma a Masnago. Varese la travolge 99-69 e la raggiunge in classifica

Domenica 1 Dicembre 2019 di Marino Petrelli
Troppa Varese per una Virtus Roma a corto di allenamenti e rotazioni. A Masnago finisce 99-69 con la partita già indirizzata nel primo periodo chiuso dai padroni di casa 34-19 con un'impressionante 7/8 da tre punti. Roma non rientra più, anzi vede lo svantaggio dilatarsi fino alla fine. E' la sesta sconfitta in campionato, Varese raggiunge la Virtus a quota dieci, così come Trento che ieri sera ha sconfitto Brindisi. I padroni di casa hanno percentuali notevolissime, il 78 per cento da due e il 45 da tre, e mandano cinque giocatori in doppia cifra. Peak è il top scorer con 22 punti e 8/10 dal campo. Jakovics 18 punti con 4/8 da tre. Per Roma, 50 per cento da due e 36 da tre, si salvano Jefferson e Buford, 15 punti a testa. Dyson, 12 punti alla fine, va a corrente alternata, serata storta per Kyzlink, appena sette punti con 3/10 dal campo. 

LA PARTITA

La Virtus recupera Rullo, assente da tempo, anche  se con pochi minuti di autonomia. E dopo diverse settimane di allenamenti difficili per coach Bucchi è già una buona notizia. Vene e Mayo provano a tenere il rtmo alto per i padroni di casa, 10-7 al quarto, ma Alibegovic con una tripla e Jefferson in appoggio a canestro regalano il primo vantaggio ospite, 13-15. Roma fatica contro la difesa asfissiante di Varese, la precisione da tre fa il resto. I padroni di casa in tre minuti scappano via sul 30-17 e chiudono avanti 34-19 il primo periodo, tirtando con il 78 per cento da oltre l'arco. L'emoraggia virtussina si prolunga, 43-23 al 13esimo. Peak è scatenato, Varese vola sul 48-25 e Bucchi è costretto a chiamare un altro time out. Roma reagisce. Buford e Jefferson guidano la reazione della Virtus fino al 53-39 al 18esimo. Al riposo lungo, però, Varese allunga ancora e chiude 58-39, con 10/17 da tre e 11/14 da due. 

Dagli spogliatoi esce una Openjobmatis ancora più convinta e quando Dyson commette terzo e quarto fallo in fila (uno dei due per un tecnico) e Simmons schiaccia il 65-44 la partita sembra già chiusa al 23esimo. Un gioco da quattro punti, tripla più libero segnato, di Jakovics regala il 74-48 al 27esimo. All'ultimo riposo è 79-54. L'ultimo quarto è solo accademia, c'è gloria per tutti in casa varesina. Caja sull'86-59 del 34esimo toglie Peak e Mayo per un meritato applauso. Finisce 99-69, sconfitta senza attenuanti per la Virtus Roma. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Sturni, Stefàno e Frongia: la corsa nel M5S che verrà

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma