Basket, Serie A1: Trieste supera Trento ​85-74

Sabato 17 Novembre 2018 di Marino Petrelli
Derby del nord est tra due squadre dalle motivazioni opposte. Vince Trieste 85-74 e si rilancia in classifica. Fondamentale il terzo quarto da 23-12 e una serata di grazia di Knox e Cavaliero, 20 punti e 8 rimbalzi il primo, 19 punti il secondo con 5/9 da tre. Da segnalare anche i 10 assist di Fernandez. Trento dopo un buon avvio si spegne progressivamente e conferma le tante difficoltà in questo avvio di campionato.

Trieste ritrova Da Ros dopo vari mesi di infortunio, ma rinuncia a Janelidze e Wright. Trento è senza Hogue per almeno 15 giorni. Cavaliero da una parte con due triple e Jovanovic dall’altra con ottima presenza sotto canestro accendono la partita: 6-12 al quarto. Il sottomano di Marble lancia Trento 10-17. Dalmasson chiama time out, ma inerzia e punteggio restano dalla parte dell’Aquila: Flaccadori sigla il 14-23 in avvicinamento a canestro. Gli ospiti raggiungono il massimo vantaggio, 15-26, al tredicesimo, ma a questo punto la partita cambia radicalmente. Strautins e Peric riavvicinano Trieste sul 27-31, Fernandez pareggia sul 33 con una tripla dall’angolo, Peric regala il primo vantaggio della partita, 35-33, chiudendo un parziale di 20-8. Al riposo lungo Trento riesce a mettere il naso avanti, 37-38, ma è tutta un’altra musica.

Al rientro in campo, lo spettacolo non è eccelso. L’Aquila prova una mini fuga, 39-44, Knox si carica Trieste sulle spalle che ritrova il nuovo vantaggio, 46-44. Trento non segna più, i padroni di casa ne approfittano con le triple di Strautins e Cavaliero e i liberi di Peric: 56-46 al 27esimo. Flaccadori sbaglia i primi suoi due tiri liberi dall’inizio del campionato (era 20/20) e il terzo quarto si chiude 60-50 con un parziale di 23-12. Si segna poco ad inizio quarto periodo, Trieste mantiene il vantaggio in doppia cifra: 64-54 al 33esimo. Cavaliero è ispiratissimo da tre punti e con la quinta tripla segnata lancia l’Alma 74-61. Knox mette i liberi dell’80-65 che chiude di fatto la partita. Finisce 85-74 e i sei mila spettatori del Pala Rubini esultano. Ultimo aggiornamento: 21:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il senso del Papa al Messaggero

Colloquio di Virman Cusenza e Alvaro Moretti