Basket, Sacchetti: «L'Italia è ancora in parte inespressa»

Basket, Sacchetti: «L'Italia è ancora in parte inespressa»
di Redazione Sport
1 Minuto di Lettura
Giovedì 23 Novembre 2017, 15:40

Inizia domani al PalaRuffini di Torino contro la Romania (palla a due alle 20.15) l'avventura sulla panchina dell'Italia di basket di Romeo Sacchetti, primo atto del percorso di qualificazione ai Mondiali in programma nel 2019 in Cina. «La Nazionale è formata da giocatori con potenziale importante che non è stato ancora totalmente espresso - ha spiegato Sacchetti -, sono sempre fiducioso per natura, il tempo è quello che è stato ma a novembre, almeno, non abbiamo dovuto lavorare sulla condizione fisica. Torino è una città di basket, ha risposto alla grande: ora tocca ai ragazzi dimostrare cosa sono e quello che vogliono diventare». Saranno assenti gli azzurri impegnati in NBA e in Eurolega, ad esclusione di Fontecchio e Abass, concessi dall'EA7 Milano nonostante l'impegno di questa sera in Europa. Tempo di scelte per Sacchetti, che ha escluso dai 12 in campo domani il figlio Brian, Gaspardo, Flaccadori e Giuri: «Bisogna cercare di farli giocare assieme, trovare il filo conduttore attraverso le qualità dei singoli. Sono curioso anch'io di vedere cosa faranno in campo questi ragazzi, come si muoveranno. Mi aspetto molto entusiasmo da tutti, testa alta, tuffi per terra anche da parte di quelli della panchina. Gente che entra in campo contenta: questo vorrei vedere».

© RIPRODUZIONE RISERVATA