Basket, Spagna in paradiso. Batte l'Argentina ed è campione del mondo

Domenica 15 Settembre 2019 di Marino Petrelli
Il mondo del basket è ai piedi della Spagna. Battuta l'Argentina 95-75 e bis mondiale dopo il successo del 2006. Partita dominata dall'inizio alla fine contro i sud americani arrivati forse appagati da un torneo comunque bellissimo. Rubio, 20 punti e sette rimbalzi, Gasol 14 punti, Rudy Fernandez, 11 punti e 10 rimbalzi, e Llull, 15 punti sono i trascinatori di una squadra perfetta che in Cina ha compiuto percorso netto: otto partite, otto vittorie. Ottima la percentuale da due punti, il 56 per cento, e il dominio a rimbalzo 47 contro 27. Scola e Campazzo "steccano" la partita più importante, appena 19 punti in due e 1/10 dal campo per il 39enne. Deck, 24 punti con 10/13 dal campo, e Laprovittola, 17 punti, sono gli ultimi a non arrendersi per l'albiceleste. 

Terza la Francia che ha sconfitto 67-59 l'Australia, apparsa stanca dopo i due supplementari contro la Spagna in semifinale e ancora una volta quarta in una grande competizione dopo aver perso la finalina alle Olimpiadi del 2016. I Boomers non hanno vinto una partita, su dieci giocate, tra semifinali e finale per il terzo posto a Olimpiadi e Mondiali.

LA PARTITA

Si affrontano la miglior difesa del torneo, la Spagna, contro il miglior attacco, l'Argentina. C'è Oriola nel quintetto spagnolo scelto da Scariolo che vuole controllare il ritmo argentino ad inizio partita. Gasol e Rubio lanciano la Spagna 2-14 al quarto. Brussino sveglia l'albiceleste con sei punti in fila, 8-14. Scariolo comincia con i cambi, Deck rimette in partita l'Argentina con un canestro e libero supplementare, 13-14, ma la Spagna riparte e chiude il primo quarto 14-23. Scola è ancora fuori partita, gli spagnoli arpionano otto rimbalzi in attacco. Rudy Fernandez con due triple regala il 14-31 al 13esimo. Laprovittola prova a tenere a galla gli argentini, 29-37 al 17esimo, ma le furie rosse impressionano per la loro difesa. Al riposo lungo è 31-43. Scola zero punti. Rubio e Ribas tre falli per la Spagna. 

La Spagna detta i ritmi della partita anche ad inizio terzo periodo. Il vantaggio è ancora più rassicurante: Juancho Hernangomez schiaccia il 33-52, poi fa il 33-55 che sembra chiudere la partita al 25esimo. L'Argentina cambia ripetutamente le difese, ma i risultati non cambiano. I sud americani non riescono a fare due azioni buone in fila e la Spagna punisce con ottime scelte in attacco. Al 30esimo è 47-66. Raggiunto il 49-68, la Spagna si rilassa un pò e l'Argentina si riavvicina 56-68 al 34esimo. Gasol è glaciale ai tiri liberi: 70-86 al 38esimo. L'Argentina alza bandiera bianca, i titolari vanno in panchina tra gli applausi dei propri tifosi. Finisce 75-95, esulta la Spagna. Ultimo aggiornamento: 16 Settembre, 10:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma