L'Italia in Cina chiude con una vittoria con il Portorico, ma serve un over time

Domenica 8 Settembre 2019 di Marino Petrelli
Batticuore Italia nell'ultima uscita mondiale. Va sotto di 26 punti, rientra, rischia ancora di perdere e la chiude al supplementare. Portorico è domata 94-89. L'Italia chiude il suo mondiale con tre vittorie e due sconfitte. Caraibici avanti fino al 61-38 del 26esimo, poi l'Italia si sveglia e piazza un parziale da 7-34, ma quando sembra poterla chiudere, arriva il pareggio e il supplementare. Dove gli azzurri ne hanno di più e vincono con merito. Cinque giocatori in doppia cifra, Belinelli e Gallinari 49 punti in due. Bene Tessitori 12 punti, 4 rimbalzi e due stoppate nel momento decisivo.



"Sono contento di aver chiuso con una vittoria e di aver giocato bene nell'ultima partita. Ci serviva e ci siamo riusciti, con sofferenza, ma con tanta voglia - ci dice il pivot nell'immediato post partita, ricevendo in diretta i complimenti di Belinelli -. Mi fa piacere avere i complimenti del Beli, è un segno di grande stima nei miei confronti. Io ho dato quello che potevo e sono felice per aver chiuso in crescendo il mio mondiale. Mi sono fatto trovare pronto, devo rigraziare la Federazione e l'allenatore per aver creduto in me che arrivo dalla Legadue. Sono pronto a confrontarmi con la serie maggiore e essere pronto nel futuro di questa nazionale"

LA PARTITA
Al Wuhan Sports Center gran parte del pubblico viene fatto entrare all'ultimo minuto. creando un pò di confusione.  Azzurri senza Datome, tenuto precauzionalmente a riposo, e Ale Gentile che nel riscaldamento accusa un affaticamento muscolare. In quintetto fa il suo esordio Abass. Avvio di marca portoricana, 8-2 al terzo, con immediato time out di coach Sacchetti. Abass è determinato. sua la schiacciata per il 9 pari, poi il canestro dell'11 pari. Italia un pò distratta nel finale di quarto e vantaggio Portorico 24-13. Azzurri mentalmente fuori dalla partita. La tripla di Clemente e la schiacciata di Franklin dilatano il vantaggio caraibico fino al 35-17 al 14esimo. Italia doppiata 44-22 al 17esimo, al riposo lungo è 46-26 con appena otto canestri segnati dal campo in venti minuti e 12 rimbalzi contro 30.

Niente riscaldamento per gli azzurri che restano a lungo negli spogliatoi. Al rientro in campo, Gallinari mette cinque punti in fila per l'illusorio 46-31, ma Portorico non molla: al 24esimo è 59-33 anche grazie all'antisportivo fischiato ad Hackett. Una difesa un pò più attenta e un paio di iniziative di Abass e Tessitori avvicinano l'Italia sul 61-48 (parziale 10-0). Il finale di tempo è 64-50. Piccoli segnali di risveglio. Filloy trova la tripla del 64-53, Belinelli quella del 64-56. Al 32esimo la partita cambia improvvisamente volto. Ancora Filloy trova un canestro e tiro libero, 67-62 al 33esimo. Portorico non segna più e anche i tiri liberi cominciano a pesare. Gallinari pareggia sul 68 al 35esimo. Abass schiaccia il sorpasso 68-70, primo vantaggio azzurro di tutta la partita in 37 minuti. Tessitori schiaccia tutto quello che gli passa tra le mani, Gallinari è glaciale ai liberi. Un suo tiro in sospensione cadendo all'indietro regala il 75-81 a 52 secondi dalla fine. Balkman segna il 79-81 a 38 secondi. Belinelli si prende un fallo e segna i liberi del 79-83. Rodriguez trova un incredibile canestro, 81-83, poi sulla rimessa recupera palla e segna l'83 pari. Gallinari prova il tiro da metà campo, ma la palla prende il ferro. Si va ai supplementari. 

E' una battaglia di nervi, Portorico ritrova il vantaggio, 85-84, Tessitori e Belinelli rimandano l'Italia avanti 85-88 al 43esimo. Abass mette la tripla dell'85-90. Tessitori stoppa il tiro da tre di Huertas, Hackett sbaglia due liberi a 34 secondi dalla fine, Portorico sbaglia la tripla del pareggio. Belinelli fa 2/2 ai liberi per l'87-92 a 17 secondi. Gallinari fa lo stesso. Finisce 89-94 tra gli applausi. Serviva per il morale e per un futuro dove poter credere sui propri mezzi.

  Ultimo aggiornamento: 22:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Gli straordinari delle maestre con gli stracci per pulire l’aula

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma