La Lituania batte la Serbia 67-64
è in finale contro la Spagna

La Lituania batte la Serbia 67-64 è in finale contro la Spagna
di Carlo Santi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Settembre 2015, 23:05 - Ultimo aggiornamento: 23:38

Lituania in finale contro la Spagna come nel 2003 ed entrambe già a Rio, Serbia al preolimpico con la Francia. Una partita emozionante quella tra Lituania e Serbia che ha visto i baltici imporsi 67-64 al termine di un’autentica battaglia nella quale gli uomini di Djordjevic non sono riusciti, con gli ultimi due possessi, a ribaltare il punteggio.
Serbi quasi sempre a rincorrere, avanti solo nel secondo quarto prima di subire l’orgoglio lituano che è tornata avanti nonostante un parziale di 9-0 dei serbi con Teodosic e Raduljica subito ribaltato, in avvio del terzo quarto, dalla grande energia di Maciulis e compagni. Per vincere serviva la miglior Serbia che stasera non c’è stata. Spesso poco lucida in attacco, proprio come è accaduto negli ultimi secondi: Bodganovic partito in contropiede ha fallito il canestro del pari e poi Maciulis ha intercettato l’ultimo pallone chiudendo la partita.

Troppi cali, da Raduljica (10 punti) a Teodosic (16 punti), che pur giocando bene non è stato incisivo come in altre occasioni, ma da elogiare è la grande difesa lituana che ha concesso poco ai serbi che hanno anche tirato assai male da 3 punti. Senza dimenticare che stasera sotto canestro a rimbalzo hanno prevalso i lituani e poi le troppe palle perse.

Teodosic ha dato l’ultima illusione ai suoi: a 13” dalla sirena ha sparato una bomba pazzesca, quasi da metà campo, per il -1 (64-65) prima degli ultimi attimi ad alta tensione, con i falli e i tiri dalla lunetta e prima Seibutis e poi Kalnietis fallendo il secondo tiro hanno concesso alla Serbia l’opportunità per capovolgere tutto, opportunità fallite entrambe.

Domenica è il giorno delle finali. Alle 14 (stavolta sul canale 258 di Sky) si affrontano Francia-Serbia per il bronzo mentre alle 19 c’è la sfida per l’oro, Lituania-Spagna con il grande Pau Gasol che vuole essere ancora il trascinatore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA