Basket, Siena batte la Virtus Roma
è la prima finalista del campionato

Domenica 8 Giugno 2014 di Carlo Santi
1
dal nostro inviato

SIENA - La Montepaschi Siena che non doveva neppure giocare per le questioni societarie - il club Ť fallito - Ť in finale. Ť All’ultimo atto della stagione per l’ottava volta di fila prima della ricca (ma non bella) Milano che deve faticare ancora per avere ragione di Sassari che affronterŗ di nuovo domani sera.

Roma √® rimasta dietro, oggi √® uscita sconfitta 91-75, un punteggio un poco bugiardo ma Siena, sia ben chiaro, √® migliore della Virtus.√ą finita 4-1 questa serie e per l’Acea il rammarico pi√Ļ grande √® quello di gara1, persa di 2 punti (75-73) ma con l’occasione di vincere nell’attimo finale. La Virtus non era pi√Ļ forte di Siena, la miglior squadra del campionato per gioco, qualit√†, intercambiabilit√† dei suoi giocatori. Nessuna come lei e piange il cuori sapere che non la vedremo pi√Ļ. Ma Roma era inferiore anche se la squadra di Luca Dalmonte ha centrato un risultato prestigiono, un risultato che vale il titolo viste le difficolt√† di tutta la stagione. Roster esiguo, a lungo senza playmaker dopo l’uscita di Taylor ma anche con lui le cose non andavano benissimo perch√© Jordar quando √® arrivato era infortunato. E poi la questione del secondo lungo, l’attesa del passaporto cotonou di Bobby Jones, il taglio di Ignerski, l’arrivo di Szewczyk non al meglio della condizione fisica, la ricerca del play con Mayo che non ha fatto sempre bene.

Aggrappati a Goss

Oggi il migliore, l’anima della squadra, √® stato Phil Goss. Straordinario il capitano, un fenomeno davvero, un combattente che nel terzo quarto ha capovolto tutto, ha rimesso Roma davanti (44-45), ha segnato 13 punti dei suoi 23 totali. Poi, al 36’, non sopportando pi√Ļ un arbitraggio che non √® stato dei migliori con un metro mai uniforme, con il quarto fallo si √® fatto fischiare un tecnico. Ed √® uscito. Se ha protestato lui, che √® correttissimo, un motivi ci sar√†. Sulla questione arbitrale, il presidente della Federazione, Gianni Petrucci, e soprattutto il suo vice Gaetano Laguardia, commissario del settore, dovr√† impegnarsi: cos√¨ non va.Non va perch√© pochi sono i direttori di gara all’altezza.

Chiariamo subito: La Virtus non ha perso per qualche fischio. Ha perso perch√© pur avendo realizzato un’impresa ad arrivare in semifinale ha avuto davanti una corazzata. Haynes √® stato il protagonista, Carter chirurgico nelle sue conclusioni, Green non ha fatto mancare il suo contributo cos√¨ come Janning per non parlare di Ress, il capitano di Siena, davvero coraggiosa. Chiss√†, potrebbe essere utile alla causa romana l’anno prossimo.

In casa Virtus, invece, anche oggi Hosley è stato un fantasma (2 su 11 dal campo). Inconsistente, mai determinato, mille facce che non si riesce mai a decifrare cosa voglia fare, spesso corpo estraneo. Vorrebbe spaccare il mondo, vorrebbe essere il campionissimo. Mai ci è riuscito.

In casa Siena Haynes √® stato un fenomeno. Arrivato a gennaio da Milano in cambio di Hackett, Haynes √® stato utilissimo in ogni angolo, 29 punti, 4 assit, una lucidit√† impressionante. L’affare, va detto, lo ha fatto Siena, in tutti i sensi, non l’Armani, almeno fin qui.

Un tempo, il primo, con Roma caduta a -10 e risalita prepotentemente con Goss poi gli errori, le palle perse, Hosley soprattutto, hanno scavato un altro divario, ancora 10 lunghezze (62-52) e poi a inizio ultimo quarto con una Virtus piccola (Kanacevic da centro, Jones da 4 e tre piccoli) √® arrivato il -16 (72-56). Goss ha cercato di dare altro ossigeno, poi il quarto fallo e il tecnico mentre in tribuna c’era un inizio di parapiglia tra le tifoserie e Claudio Toti era preso di mira.

Il futuro della Virtus

Adesso si comincer√† a parlare di futuro, di bilanci da limare ancora perch√© il presidente Claudio Toti, anche ieri fischiatissimo dai senesi, vuole ridurre lasciando incertezza sul domani. √ą una storia che si ripete, puntuale, ogni fine stagione. Un anno fa la Virtus ha rinunciato all’Eurolega, adesso non si sa cosa far√† e Goss √® in partenza (Venezia) come Mbakwe.Non ci si deve dimenticare che Roma √® Roma e non pu√≤ essere trattata come una cenerentola. Megio, altrimenti, non esserci come nella Capitale non c’√® pi√Ļ la grande pallavolo, la pallanuoto e s’√® persa una societ√† storica come la Rugby Roma.

Intanto Roma sta per avere una seconda squadra di livello. La Stella Azzurra √® in trattativa con Veroli per il titolo di Lega Gold visto che Michele Martinelli ha abbandinato la pista della Silver per puntare un po’ pi√Ļ in alto.

Domani Sassari-Milano

Domani, come abbiamo detto, Milano √® a Sassari per affrontare di nuovo la Dinamo. Dopo l’impresa al Forum dove la Banca di Sardegna ha battuto l’Armani, gli uomini di Sacchetti (adesso il conto √® 3-2 per l’EA7) sognano di tornare in Lombardia mercoled√¨ per giocare la bella.

Montepaschi Siena-Acea Roma 91-75

MONTEPASCHI SIENA: Haynes 29 (5/7, 3/4), Green 10 (2/5, 2/4), Carter 14 (1/2, 4/9), Ress 6 (1/1, 1/2), Ortner 2 (1/3),Viggiano 3 (0/1, 1/1), Hunter 4 (2/3), Janning 13 (2/2, 2/6), Nelson 10 (4/8). N.e.: Cournooh, Udom, Batori.

ACEA ROMA: D’Ercole 10 (2/2, 2/5), Goss 23 (4/6, 5/7), Hosley 5 (1/5, 1/6), Jones 7 (2/3, 0/1), Mbakwe 12 (5/12),Mayo 2 (1/1), Baron 11 (4/5, 1/2), Kanacevic 5 (2/2, 0/1). N.e.: Reali, Tonolli, Righetti, Moraschini.

Arbitri: Taurino, Sahin, Terreni.

Note: parziali:22-17, 44-40, 67-56. Tiri liberi: Siena 16/20, Roma 6/8.Tiri da 3 punti: Siena 13/26, Roma 9/22.Rimbalzi: Siena 25 (16d., 9o.), Roma 29 (20d., 9o.).Falli tecnici alla panchina di Roma (14-16) e Goss (80-67).

© RIPRODUZIONE RISERVATA