Milano allunga in classifica. Venezia e Treviso, vittorie di carattere in trasferta

foto Twitter
di Marino Petrelli
3 Minuti di Lettura

Milano batte Cantù senza allenatori in panchina perché fermati dal Covid19 e grazie alla partita rinviata tra Brindisi e Sassari allunga momentaneamente in classifica. L’Olimpia ora è attesa da una partita fondamentale in Eurolega in casa del Baskonia, poi domenica prossima va a Venezia, che oggi ha difeso il quinto posto con una vittoria di carattere a Trieste con 17/27 da tre e 47 rimbalzi contro 37. A Cremona accade di tutto, Treviso dilapida un vantaggio di 21 punti, la Vanoli ha la palla per chiudere la partita, ma Akele regala la vittoria ai trevigiani con un tocco sulla sirena. Terzo successo consecutivo e settimo posto blindato. Negli anticipi vittorie di Fortitudo Bologna, Trento e Virtus Bologna. 

Vanoli Cremona - De Longhi Treviso 86-87

Treviso recupera Logan e parte forte: 7-17 al sesto. Cremona prova a sistemare le percentuali in attacco, ma Sokolowski, già a nove punti segnati, tiene gli ospiti avanti 13-22 al decimo. Vildera e Mekowulu regalano il 17-32 al 14esimo. Il massimo vantaggio è sul 26-47, poi Cremona ha un sussulto nel finale di tempo per il 38-48. Pur con qualche difficoltà in più, Treviso resta avanti 40-53 con il quattordicesimo punto di Mekowulu. La Vanoli non trova mai il guizzo giusto per rientrare, Treviso ha una migliore distribuzione di punti in attacco. Al 30esimo è 60-70. Barford è immancabile (alla fine 33 punti, 6/10 da tre e 8 rimbalzi), Cremona torna sotto 73-77 al 34esimo. La partita si accende. Imbrò segna due triple per gli ospiti, T. Williams (15 punti) segna il pareggio: 80-80 al 36esimo. Ultimo minuto incredibile. Imbrò (18 punti e 5/7 da tre) segna l’84-85, Lee fa il contro sorpasso (85-84). Cremona recupera la palla ma sbaglia il tiro del +3. Ultimo tiro per Treviso. Sokolowski sbaglia l’appoggio, Akele corregge all’ultimo secondo. Vince la De Longhi 85-86 e ottiene la terza vittoria consecutiva.

AX MILANO - ACQUA SAN BERNARDO CANTU' 70-57

Senza lo staff tecnico in panchina, tutto colpito dal Covid19 (Bucchi ha solo tosse e mal di testa), Cantù gioca lo stesso la partita pur avendo la possibilità di rinviarla. Allena con una deroga Christian Di Giuliomaria, responsabile del settore giovanile. Milano parte subito forte: 20-12, poi 26-14 al decimo. Cantù resiste nel secondo periodo e al riposo lungo è 38-28. Senza forzare, l’Olimpia controlla: 45-32 al 26esimo, poi 53-40 al 30esimo. Cantù gioca il tutto per tutto, Thomas (cinque punti in fila) e Johnson (10 punti) danno il 58-53 al 35esimo. E’ l’ultimo sussulto, finisce 70-57. Shields e Datome migliori marcatori con 12 punti, Moraschini con 10. Cantù prende più rimbalzi, 41-40, di cui ben 10 di Pecchia. 

ALLIANZ TRIESTE - UMANA VENEZIA 69-87

Primo quarto dal punteggio alto e grande ritmo. Venezia lo chiude avanti 21-25 con 6/8 da tre punti. Trieste è un avversario molto tosto, Alviti e Doyle danno il sorpasso sul 31-30 al 14esimo. Le triple (8/12) aiutano Venezia che torna avanti 33-39. Al riposo lungo è 38-41. Si segna poco, Venezia prova a scappare con le triple di Campogrande e Tonut per 43-55 al 25esimo. Trieste esce dalla partita, la Reyer allunga fino al +22 e resta avanti 49-66 al 30esimo (parziale da 11-25). Un parziale di 11-0 riavvicina i padroni di casa sul 60-66 al 34esimo. Daye (10 punti) inventa una tripla da otto metri per il 62-73, Tonut (23 punti e 6/8 da tre) quella del 64-76 al 37esimo. Upson (16 punti) è Doyle (15) sono gli ultimi a mollare per Trieste. Campogrande (12 punti con 4/6 da tre) segna la diciassettesima tripla per la reyer che vince 69-87 e aggancia la Dinamo sassari al quarto posto in classifica.

Lunedì 22 Marzo 2021, 00:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA