Roma-Chievo 1-0, dieci vittorie e record. Stregati da Borriello, Olimpico in delirio

Giovedì 31 Ottobre 2013
Marco Borriello a cena all'Olimpico dopo la decima vittoria consecutiv

La Roma batte anche il Chievo (gol di Borriello) ed entra nella Storia del calcio: è l'unica squadra ad aver vinto le prime 10 partite di campionato. E' record. Rileggi la DIRETTA.

IL GOL


Get Adobe Flash player

La cena all'Olimpico

Dopo la partita contro il Chievo l'intera rosa della Roma resta a cena nell'area ospitalità dello stadio Olimpico. La decisone è stata presa dal tecnico francese, Rudi Garcia, soprattutto in vista del prossimo ravvicinato impegno di domenica in casa del Torino.

La partita

Se il giocatore che per oltre un'ora era stato il peggiore in campo alla fine risulta determinante con la rete che consegna la decima vittoria consecutiva, allo vuol dire che è proprio l'anno della Roma. Il gol di Marco Borriello, al 22' della ripresa, piega un Chievo arrivato all'olimpico con l'assoluto bisogno di fare punti. E sembra quasi una magia, degna dei maghi che frequenterebbero Trigoria. E che alla fine sono stati evocati da qualche buontempone entrato in campo vestito da Henry Potter.Ci sono volute costanza, applicazione e determinazione per piegare i gialloblù. Ma alla fine la determinazione di Rudi Garcia ha avuto ragione. Ce n'è voluta per lasciare in campo Borriello, inguardabile per tutto il primo tempo. Invece proprio lui ha proiettato la Roma nella storia. Mai nessuno aveva vinto le prime dieci di fila, nemmeno le Juventus stellari di Platini o Capello. E respinto proprio i bianconeri ed il Napoli di nuovo a -5 in classifica. Un distacco abissale se si pensa a che bel campionato che stanno giocando le due più dirette inseguitrici. Per tutti i primi 45 minuti il gioco frenetico della Roma, fatto di passaggi veloci, mai più di due tocchi, gran possesso palla, ha sbattuto contro la Grande Muraglia alzata davanti a Puggioni da mister Sannino. Il Chievo non ha avuto timore di difendersi anche con nove uomini alla volte, per poi tentare le ripartenze di Paloschi e Pellissier. Ma tra i due attaccanti ed il resto c'era un canyon ed intendersi così è difficile. Il turbillon giallorosso è sembrato mandare in tilt soprattutto Borriello, statico, impreciso, spesso anticipato. Così Puggioni ha dovuto sfoderare la prima vera parata solo al 24', su un gran destro da fyori area di Strootman. Ljajic si dava un gran da fare, ma ai suoi tentativi di triangolazione mancava spesso un vertice.

Il secondo tempo

Il naturale sostituto del legnoso attaccante sembrava proprio Florenzi. Invece al rientro dagli spogliatoi Garcia ha insistito con Borriello. Ed alla fine ha avuto ragione lui. Florenzi in effetti è entrato, ma solo al 14' ed al posto di Marquinho. Ed è stato proprio Florenzi, vinto un contrasto in area dopo uno scambio con Pjanic, a confezionare il cross che il numero 88 ha deviato alle spalle di Puggioni con un colpo di testa. Finalmente l'Olimpico ha potuto dare sfogo alla gioia repressa, quella del CHievo sembrava una maledizione insuperabile, dopo che lo scorso maggio i veneti erano stati gli ultii a battere la Roma in campionato. Invece passata in vantaggio la Roma ha avuto la strada spianata verso il successo. L'unico brivido di paura la sud l'ha vissuto al 28', quando De Sanctis non ha trattenuto il tiro di Rigoni. Sulla palla si è avventato Paloschi, falciato da Benatia. Rigore netto, ma il guardalinee con la bandierina alzata ha salvato l'imbattibilità del portiere romanista, arrivata ormai a 681', senza contare i recuperi. Dopo 4' di recupero la Roma ha potuto festeggiare la decima vittoria, il testa-coda con l'ultima della serie A non l'ha mandata fuori strada.

Roma-Chievo minuto per minuto

35° esce Pjanic, entra Bradley: Garcia preferisce la sostanza. Poco prima ancora una grande occasione per Borriello: il tiro a botta sicura rimpallato da un difensore.

22° assist di Florenzi, testa di Borriello: Roma in vantaggio

19° pronto il cambio: esce Dodò, entra Balzaretti

15° tiri di Pjanic e De Rossi respinti dalla difesa. Chievo sotto assedio. La Roma esercita una pressione fortissima sul muro difensivo del Chievo. Manca il tocco di fantasia di Totti.

13° esce Marquinho, entra Florenzi

4° la Roma alza molto il ritmo della partita e prova a concretizzare l'enorme pressione offensiva.

2° la Roma prova a sfondare. Il pubblico fa il suo incoraggiando i giallorossi. Grande affondo di Ljajic. La Roma riparte in attacco. De Rossi aveva dimenticato la fascia di capitano e se ne accorge dopo 3 minuti di gioco.

Roma senza cambi

secondo tempo

44° Borriello atterrato poco fuori area. Punizione. Strootman va a infadire Puggioni. Tira Dodò, respinto.

41° molti falli tattici e alcuni contrasti fallosi da parte del Chievo: partita molto spezzettata e la Roma non riesce a tenere il ritmo. Difficile entrare nell'area del Chievo con la palla bassa. La pressione offensiva della Roma sbatte sulla difesa attenta, organizzata e fisica del Chievo.

25° ancora una botta di Marquinho, pericolo per Puggioni. Ammonito Castan per fallo su Paloschi.

17° intervento in gioco pericoloso ai danni di Dodò, che rimane a terra dopo essere stato colpito al capo dalla scarpa di Sardo, ammonito.

12° costante azione offensiva dei giallorossi, Chievo schiacciato. Marquinho e De Rossi molto efficaci sui portatori di palla.

10° doppia conclusione di Marquinho, prima restinta dalla difesa e poi alta: Roma pericolosa.

7° la Roma si appoggia molto a De Sanctis in fase difensiva, utilizzato quasi come libero.

6° la Roma spinge con Marquinho e Torosidis che mettono in difficoltà la difesa del Chievo.

3° grande pressione della Roma, terzo angolo consecutivo. Strootman sbaglia conclusione.

2° Chievo molto compatto, gestione palla molto paziente della Roma. L'Olimpico non è pienissimo, ma i tifosi della Roma si fanno sentire.

Le formazioni

Roma (4-3-3): De Sanctis; Torosidis, Benatia, Castan, Dodò; Pjanic, De Rossi, Strootman; Marquinho, Borriello, Ljajic. All. Garcia.

Chievo (5-3-2): Puggioni; Sardo, Frey, Claiton, Papp, Dramè; Rigoni, Radovanovic, Bentivoglio; Thereau, Paloschi. All. Sannino.

Arbitro: Peruzzo.

Ultimo aggiornamento: 3 Novembre, 15:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA