Vuelta,Tappa a Kuss e Roglic sempre in rosso. Allo sloveno resiste solo Valverde

Domenica 8 Settembre 2019 di Francesca Monzone
Colpo doppio per la Jumbo-Visma che sul traguardo del Santuario del Acebo, ha conquistato la quindicesima tappa con Seep Kuss e rafforzando il dominio nella classifica generale con Primoz Roglic. La volata per il secondo posto è andata  a Ruben Guerreiro (Katusha-Alpecin) seguito da Tao Geoghegan (Team Ineos). La tappa di oggi, dal finale impegnativo ha fatto una nuova selezione, dando indicazioni importanti su quello che vedremo nei prossimi giorni, con Valverde oramai capitano indiscusso in casa Movistar. Lo spagnolo nel finale ha lanciato attacchi e a seguirlo solo Roglic, con Quintana che si è staccato. La lotta tra i giovani talenti, è tra Miguel Angel Lopez (Astana) e Pogacar (UAE Emirates), che nonostante la giovane età, stanno dimostrando di essere dei fuori classe. Nella classifica generale, la situazione è sostanzialmente invariata, con Valverde sempre all’inseguimento di Roglic. A separare il campione del mondo e lo sloveno ci sono 2’25”, non molti se si considera che alla fine di questa Vuelta manca ancora una settimana. A giocarsi la vittoria ci saranno loro con i giovanissimi Pogacar e Lopez, mentre Quintana, con il suo ritardo di oltre 5’, sembra ormai fuori dalla lotta per il podio. 
La frazione di oggi di 154,4 chilometri da Tineo al Santuario del Acebo, è stata una delle più attive, dove gli scatti e gli inseguimenti non sono mancati. 
Come prevedibile c’è stata la fuga di giornata, con: Marc Soler (Movistar Team), Quentin Jauregui (AG2R La Mondiale), Ion Izagirre (Astana Pro Team), Mark Padun (Bahrain-Merida), Pawel Poljanski (Bora-Hansgrohe), Lawson Craddock (EF Education First), Sander Armée (Lotto-Soudal), Tsgabu Grmay (Mitchelton-Scott), Ben O’Connor (Team Dimension Data), Tao Geoghegan Hart, Vasil Kiryienka (Team Ineos), Sepp Kuss (Jumbo-Visma), Dani Navarro, Ruben Guerreiro (Katusha-Alpecin), José Herrada (Cofidis), Oscar Rodriguez, Sergio Samitier (Euskadi-Murias). Negli ultimi 5 chilometri di corsa, al comando c’era solo lo statunitense Kuss, con alle sue spalle e distanziati solo Ruben Guerreiro  seguito da Tao Geoghegan. Più indietro Valverde autore di attacchi e allunghi, con Roglic alla sua ruota. Staccati i due giovani della UAE e Astana, in lotta per la maglia bianca e al disperato tentativo, di non perdere troppi secondi da Roglic e Valverde, che però viaggiavano con un’altra marcia. Nell’ultimo chilometro il ventiquattrenne Kuss, è stato il protagonista indiscusso. Con un magnifico assolo il ragazzo del Colorado ha conquistato la sua quinta vittoria da professionista e la prima in un grande Giro, portando alla Jumbo -Visma il quarantaquattresimo successo. 
Domani si correrà la sedicesima frazione, da Pravia si andrà ad Alto de La Cubilla. Lena con  144,4 chilometri da affrontare. Saranno tre i GpM da superare, con salitone finale di 17,8 chilometri e pendenze che arriveranno fino al 10%. Sarà questa la tappa che chiuderà la seconda settimana di corsa.

Ordine d’arrivo
1. Sepp Kuss (TJV) 4:19:04
2. Ruben Guerreiro (TKA) +0:39
3. Tao Geoghegan Hart (INS) +0:40
4. Óscar Rodríguez (EUS) +0:53
5. Mark Padun (TBM) +1:49
6. Ben O'connor (TDD) +2:05
7. Lawson Craddock (EF1) +2:11
8. Primož Roglic (TJV) +2:14
9. Alejandro Valverde (MOV) +2:14
10. Sander Armée (LTS) +2:48


Classifica generale
1. Primož Roglic (TJV) 58:10:32
2. Alejandro Valverde (MOV) +2:25
3. Tadej Pogacar (UAD) +3:42
4. Miguel Ángel López (AST) +3:59
5. Nairo Quintana (MOV) +5:09
6. Rafal Majka (BOH) +7:14
7. Nicolas Edet (COF) +9:08
8. Wilco Kelderman (SUN) +9:15
9. Carl Fredrik Hagen (LTS) +9:44
10. Hermann Pernsteiner (TBM) +11:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma