Europei, per l'Italia vittoria facile sull'Ucraina

Domenica 25 Agosto 2019 di ​Vanni Zagnoli
Tre a zero anche la seconda gara degli Europei dell’Italia, facile, a Lodz. L’Ucraina non è tanto più forte del Portogallo, non è la Russia, insomma, e le azzurre si impongono rapidamente, con parziali medi, a 16 e a 18. Il gioco è facile: riceve Sylla, costruisce Malinov, chiude Egonu. Oppure riceve Indre Sorokaite, innesta la palleggiatrice, atterrano il pallone Sylla o la stessa bella ucraina o, naturalmente, Egonu. Lucia Bosetti riposa in panchina, come nell’ultimo set e mezzo di Catania. Sarebbe stata titolare Elena Pietrini, cresciuta a Roma, stanca fisicamente e psicologicamente, rinuncia misteriosa, da vicecampionessa del mondo. 

Sorokaite a questi livelli non ha problemi, vedremo domani sera, dalle 18, con il Belgio, altro 3-0 quasi scontato, già visto in Sicilia.

La gara in Polonia su Rai2 è quasi uno spreco, nella storia del nostro sport ci sono mille eventi anche di volley molto più importanti di questo girone eliminatorio, finiti su Raisport. Sylla è a buoni livelli, azzecca regolarmente la giocata, compreso un pallonetto sul muro a tre. Sfuggono un paio di palle vaganti, Folie si distrae, comunque sono quisquiglie, è anche difficile mantenere elevata la concentrazione, quando sai di vincere anche senza forzare. Le gialloblù sono dignitose, l’Italia vincerà tranquillamente il girone, secondo pronostico, passando dritta ai quarti. Peccato i larghi vuoti, per questa Italia, dominante anche nel terzo parziale, con Anna Danesi, prodotto romano di Casal de’ Pazzi, tornata al centro, per Folie, e l’eloquente 25-10.

Oggi la Slovenia ha superato il Portogallo per 3-0.

Ieri la Turchia di Guidetti era stata portata al tiebreak dalla Finlandia. 

L’Italia può aggiudicarsi il girone senza concedere set e anche arrivare in finale perdendone al massimo uno. Poi, con la Serbia, sarà durissima, a prescindere.

  Ultimo aggiornamento: 23:37 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, istrice gigante a spasso su Lungotevere: la Capitale sempre più bestiale

di Veronica Cursi

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma