Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Vezzali in visita al Centro di preparazione paralimpica: «Campus estivi iniziativa importante»

Vezzali in visita al Centro di preparazione paralimpica: «Campus estivi iniziativa importante»
di Giacomo Rossetti
3 Minuti di Lettura
Lunedì 20 Giugno 2022, 12:50

Roma, e il centro del Tre Fontane, danno il loro benvenuto ai bambini disabili che parteciperanno ai primi campus estivi paralimpici (in corso dal 13 giugno al 4 luglio), organizzati dal CIP, oltre che nella Capitale, anche a Lignano Sabbiadoro, Bari e Messina. Oggi i piccoli e le loro famiglie hanno potuto fare la conoscenza del Sottosegretario con delega allo Sport Valentina Vezzali, in visita al Tre Fontane. «Sono davvero emozionata, questi campus sono un'iniziativa importante e mi auguro possano diventare un progetto a lungo termine che coinvolga tutto il Paese - racconta l'ex fiorettista - Ho scoperto un impianto notevole, che può divenire il fulcro della preparazione paralimpica ma è anche fondamentale per la promozione e la pratica dello sport di base».

Pancalli: «Diritto allo sport appartiene a tutti»

Il numero uno del CIP, Luca Pancalli, le fa eco: «Finalmente siamo riusciti a creare un campus totalmente gratuito che oltre ai bambini con disabilità si apre anche ai loro genitori, con l'augurio che nasca nelle famiglie il desiderio di far fare sport ai figli in modo assiduo. Siamo partiti con centri di riabilitazione e unità spinali, oggi andiamo a coprire uno spazio ancora non esplorato». Il coinvolgimento dei genitori durante i campus estivi sarà cruciale, in quanto «bisogna far crescere la consapevolezza di essere portatori sani del diritto allo sport, un diritto che appartiene a tutti», ricorda Pancalli. Il discorso poi si sposta sull'impossibilità di costruire un palazzetto e una foresteria nel Centro, dato che il CIP quando ricevette in concessione l'area venne a sapere solo dopo che Roma Capitale non aveva la facoltà per concederla tutta, visto che una parte di essa apparteneva a Eur Spa. «Ne ho parlato con il sindaco Gualtieri - spiega Pancalli - Ha dimostrato grande sensibilità e individuato delle risorse: spero che, anche parlando con l'Economia, lui possa trovare qualche soluzione, perché così non può andare: è una vergogna per il Paese che questo centro sia amputato, quando invece potrebbe rappresentare un'unicità in Europa». Proprio oggi, la Vezzali ha promesso di dare a Pancalli «tutto il supporto possibile affinché l'impianto possa essere terminato quanto prima e chi ha delle problematiche possa usufruirne». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA