Settebello da impazzire, 11-1 alla Russia e semifinale contro la Spagna

Settebello da impazzire, 11-1 alla Russia e semifinale contro la Spagna
di ​Vanni Zagnoli
2 Minuti di Lettura
Martedì 24 Luglio 2018, 23:11

Neanche il dream team del basket americano, a Barcellona ’92, era tanto superiore agli avversari. L’11-1 dell’Italia alla Russia è stupefacente, segue il 14-1 alla Germania, il 12-5 all’Ungheria, il 14-3 alla Georgia, l’unica cenerentola, fra 4 squadre affrontate. «I 10 gol concessi in 4 gare sono unici», sottolinea il ct Sandro Campagna, arrivato in semifinale agli Europei senza mai alzare la voce. Gli azzurri esercitano un dominio pazzesco, se rapportato alla tradizione, a tutte partite in bilico. I 7 gol di scarto ai magiari, i 10 di stasera alla Russia fanno pensare alle partitelle estive del calcio, contro amatori di montagna. 

Il quarto di finale con i russi è già finito all’intervallo, sul 6-0. Fra i pali, Del Lungo piazzerà un totale di 15 parate, è persino migliore dell’ultimo Tempesti, non impeccabile nella finale di Champions persa con la Pro Recco, a Genova. Figlioli azzecca tre gol in metà partita, poi un quarto, l’altro immarcabile è Valentino Gallo, con 3. Un anno fa, lui, Del Lungo e Alessandro Velotto dovettero saltare i mondiali di Budapest per il morbillo e anche per quelle 3 assenze l’Italia non andò oltre il 6° posto. Adesso ha un Di Fulvio efficace, a segno quando la partita non era decisa, ha la classe di Echenique e la forza di Molina e Renzuto. 

Quattro anni fa, il bronzo continentale in Ungheria, adesso l’Italia è favoritissima, partendo dal 6-0 raggiunto verso la metà di ogni gara, che rende esterrefatti anche i 3mila spettatori dell’arena. L’unico dato non sensazionale è l’8/14 del settebello in superiorità numerica, contro peraltro l’1/13 dei russi. Nel finale c’è spazio anche per il secondo portiere Nicosia. Nicholas Presciutti fotografa così l’impresa: «La Russia ci ha sottomesso sul piano fisico, noi ci appoggiamo alla difesa. E’ l'attacco produce gioco e segna». 

Giovedì le semifinali: alle 20,30 Serbia-Croazia, dalle 22 l’Italia contro la Spagna, che supera la Grecia per 10-6. Nei quarti del pomeriggio, Serbia-Ungheria 8-5, Croazia-Montenegro 9-7, gare comunque dal margine ristretto. Domani le semifinali femminili, su Raisport: alle 17, Olanda-Ungheria, dalle 18,30 Grecia-Spagna. 





 

© RIPRODUZIONE RISERVATA