Coppa del Mondo, Vonn: «Il record di Stenmatrk non è un'ossesione»

Giovedì 10 Gennaio 2019
Le mancano appena 4 vittorie per eguagliare e magari superare il record di Ingemar Stenmark, eppure Lindasy Vonn assicura di «non essere ossessionata» da quale numero. «Non sarà il record a giudicarmi, sia che lo batta o meno - confida la 34enne fuoriclasse americana, arrivata a 82 vittorie in coppa del mondo, contro le 86 del mito svedese - Non ho bisogno di 87 vittorie per poter continuare il lavoro della mia Fondazione, per aiutare i bambini e ispirare le persone a raggiungere i loro sogni e obiettivi. Non ho bisogno di quel record per realizzare queste cose. Una volta smesso di sciare il numero 87 non avrà più importanza. Non cambierà il modo in cui lascio lo sport», ha ammesso la Vonn che aveva annunciato il ritiro a fine stagione ma che adesso potrebbe ripensarci, per poter gareggiare a lake Louise nel novembre 2019. La Vonn, che tornerà a gareggiare il 18-20 gennaio: «Il mio ginocchio sta davvero bene, sorprendentemente molto meglio di quanto pensassi - ha detto l'americana - Ci ho messo un pò di tempo per riprendere ma ora mi sento di nuovo bene quando scio e non sento alcun dolore al ginocchio. Sono negli ultimi 50 metri della mia carriera maratona e mi sto battendo fino alla fine, non mi arrendo anche se so dove sta il traguardo e cioè a Lake Louise la prossima stagione». Ma l'eventuale 'appendicè non è legata al record di Stenmark, ripete: «Non condizionerà i miei piani - ammette - e comunque mai mi sarei aspettata di essere in questa posizione. Non ho sciato in questi anni pensando 'Oh, voglio battere il record di Stenmark'. Io volevo solo essere la migliore sciatrice del mondo e vincere le Olimpiadi. Penso di esserci riuscita». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La volpe sfrattata dai topi

di Marco Pasqua

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma