Rischio squalifica e multa per Lopez. Ma l'Uci apre un’inchiesta anche sul Giro

Mercoledì 5 Giugno 2019 di Francesca Monzone
Miguel Angel Lopez

Guai in vista per Miguel Angel Lopez. Il colombiano rischia una multa e la squalifica, per aver preso a pugni il tifoso che lo aveva fatto cadere durante la ventesima tappa della corsa rosa.  A rischiare la sanzione non ci sarebbe solo il corridore dell’Astana, ma anche gli organizzatori del Giro d'Italia, che non avrebbero fermato e squalificato il corridore, per aver infranto l’articolo 22.2 del regolamento internazionale. I fatti risalgono alla tappa di sabato scorso, quando il corridore del team Kazako, a cinque chilometri dalla conclusione della ventesima tappa del Giro d’Italia, era stato fatto cadere da un tifoso, che per  questo venne schiaffeggiato e preso a pugni dal colombiano. Lopez, a causa di quella caduta, perse la tappa che da Feltre andava a Monte Avena, e la possibilità di scalare posizioni nella classifica generale. Quello stesso giorno l’unico a essere sanzionato dall’organizzazione fu Primoz Roglic. Lo sloveno prese una penalizzazione di 10” per aver ricevuto una spinta da parte di un tifoso, che lo aiutò a raggiungere i corridori che lo avevano superato.

L’UCI, anche per questa doppia decisione da parte dell’organizzazione del Giro, ha deciso di aprire un’inchiesta, per verificare se siano state fatte delle preferenze e per capire le cause che avrebbero portato a chiudere un occhio sul gesto del colombiano. Il regolamento internazionale stabilisce, in modo inequivocabile, che nessun corridore può commettere gesti violenti nei confronti di altri corridori o sul pubblico durante la corsa. A quanto pare, Lopez sarebbe stato graziato perché il suo gesto sarebbe stato la conseguenza di una reazione del tutto umana. Il regolamento però dice altro. Se da una parte ci sono state subito le scuse da parte del corridore per la reazione eccessiva, dall’altra parte c’è stato l’atteggiamento opposto da parte del team manager dell’Astana Martinelli. Quest’ultimo, avrebbe dichiarato che la reazione del corridore poteva essere maggiore, visto il danno. Al momento l’UCI non ha preso ancora decisioni, ma una penalizzazione molto probabilmente verrà data a Lopez, anche per evitare dei precedenti. Quindi il giovane corridore, oltre a dover pagare una multa da 200 CHF, potrebbe ricevere una penalizzazione di un minuto oppure l’espulsione. Se la penalizzazione fosse di un minuto, il colombiano non perderebbe la maglia bianca della classifica giovani, mentre perderebbe posti nella classifica generale, passando dal settimo all’ottavo posto. Discorso che decadrebbe in caso di squalifica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma