Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Olimpiadi, Brignone: «Dopo il Super G ero a terra»

Federica Brignone (31), sciatrice italiana
di Giacomo Rossetti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Febbraio 2022, 10:56

Sorride a trentadue denti Federica Brignone. La sciatrice azzurra alza al cielo di Yanqqing il bronzo nella combinata, e si confessa così. «Non c’erano tante concorrenti oggi, ma Michelle Gisin e Wendy Holdener hanno sciato veramente alla grande e non avevo abbastanza vantaggio in discesa su di loro per provare a conquistare una medaglia migliore», ammette la campionessa valdostana. «Sono stata sfortunata che Mikaela Shiffrin sia uscita, ma lo sci è anche questo. Io ho provato a sciare al meglio delle mie capacità, senza correre troppi rischi». Per Federica è la seconda medaglia ai Giochi cinesi dopo l’argento nello slalom gigante: «Aver vinto due allori è fantastico. Ovviamente la gara in cui mi aspettavo di più era quella nel super G, ma ho dato il mio meglio è non è bastato. Sono comunque contentissima delle due medaglie».

La confessione

«Dopo il Super G ero parecchio a terra a livello mentale, ed ero parecchio stanca. Questo inverno è stato ok poi da gennaio in poi è stato uno stress non dover risultare positiva al Covid. Tutti erano preoccupati per la situazione. Non è stato semplice, è stressante già solo andare alle Olimpiadi ed essere una delle possibili finaliste». Un vero fiume di emozioni, in due mesi: «C’era molta pressione, non si poteva fare nulla con gli amici a casa. Così il mio umore è andato giù dopo il Super-G, e pensavo robe tipo: ‘Sono troppo stanca, voglio andare a casa’». Ma le è durata appena due giorni: «Dopo essermi riposata, ho ripreso ad allenarmi in slalom e mi sono detta: 'Sono qui anche io, probabilmente è la mia ultima Olimpiade e voglio prendere tutto quello che posso'». Curiosità: Sofia Goggia ha prestato i suoi adorati sci a Mikaela Shiffrin (che poi ha mestamente chiuso in anticipo), aggiungendo il messaggio social ‘Vola Miki, tu che puoi’. Chi vuole vedere in questo aiuto di Sofia all’americana l’ennesima punzecchiata alla rivale italiana, può farlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA