Setterosa, esordio ok: 10-9 all'Australia

Domenica 14 Luglio 2019 di Piero Mei
Anche il pomeriggio è un gioco da ragazze ai mondiali di Gwangju. L’unico uomo in vasca, il tuffatore Giovanni Tocci, finisce dodicesimo nel trampolino da un metro. Migliora ancora, almeno nel punteggio se non nella posizione, il duo del sincro Linda Cerruti e Costanza Ferro. La finale del sincrotuffo dalla piattaforma vede l’accoppiata Bakti-Pellacani e  il Setterosa “ritorna vincitor” dal primo match, sconfiggendo l’Australia 10­-9.
SEMPRE CON LINDA
Il duo del sincro, cioè Costanza Ferro e la solita Linda Cerruti che a tutte le gare menio quella del misto, è quinto ancora oltre i 90 punti. Il cittì Patrizia Giallombardo non può che esultare: «Siamo felici, un bel gruppo con tutte che si aiutano».
MAI MEGLIO CHE SETTIME
Non sale mai, nel corso dei cinque turni, più su del settimo posto la coppia Bakti-Pellacani, che chiude nona la finale del tuffosincro da 10 metri, posto amaro anche per le World Series. Vincono, come al solito, le cinesi. Ora nei tutti la gente di Pechino ha uno score di 5 ori su 5.
ALTALENA IN ROSA
La vittoria del Setterosa dovrebbe dare il primo posto nel girone considerato che Cina e Giappone sembrano “da pallottoliere”. Per ora è prima la Cina che è a +2 di differenza reti. L’Italia è a +1. 
Un’Italia feroce e compatta per tre tempi, va su +4 per tre volte (2-2, 7-3, 9-5) ma poi subisce un break di 3 a 0 e rimette in discussione la partita. «L’Australia ha già il pass olimpico e gioca con la testa libera - dice il cittì Conti - però "buona la prima"». E Capitan Queirolo, miss 200 volte in azzurro, dice: «Abbiamo fermato il loro ritorno, è un ottimo segnale». Parola di Bianconi: «Alla fine abbiamo subito il loro pressing dopo che per tre tempi eravamo riuscite a servire bene il centro: non lo abbiamo fatto più». © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani