Nfl, Rodgers barò sul vaccino (e ora è positivo al Covid): «Ho seguito un percorso alternativo»

Nfl, Rodgers barò sul vaccino (e ora è positivo al Covid): «Ho seguito un percorso alternativo»
3 Minuti di Lettura
Sabato 6 Novembre 2021, 16:10 - Ultimo aggiornamento: 7 Novembre, 10:16

L'ha definita una «caccia alle streghe», la ricerca spasmodica, nella National Football League e anche da parte dei giornalisti, dei giocatori vaccinati, e lui ha mentito (sapendo di farlo). Aaron Rodgers, star dei Green Bay Packers, tra i 50 atleti più pagati al mondo nel 2020 secondo Forbes - ha guadagnato 30 milioni di dollari, 26 milioni di euro, e ha anche 1,8 milioni di followers su Instagram, quando gli è stato chiesto se si fosse vaccinato ha risposto: «Sì,certo», peccato che non fosse esattamente la verità. E questa settimana, dopo essere risultato positivo al Covid, lo ha dovuto ammettere: «Ho ricevuto un trattamento alternativo».

Ma cosa è successo? Durante il talk show sportivo The Pat McAfee show su Sirius xm, il quaterback 37enne si è difeso: «Prima di tutto, non ho mentito. In quel periodo c'era davvero una caccia alle streghe in tutto il campionato, i media erano così preoccupati di capire chi fosse stato vaccinato e chi no. All'epoca il mio piano era di dire che ero stato immunizzato. Non era uno stratagemma o bugia: era la verità».

A fin di bene, insomma, perché, ha detto sempre Rodgers, se fosse stato incalzato avrebbe spiegato di cosa si trattava: un protocollo a lungo termine non identificato e progettato per garantire l'immunizzazione (e comunque non il vaccino). «Ho parlato con medici e ho scoperto che c'era un protocollo di immunizzazione che potevo seguire per proteggere me stesso e i miei compagni di squadra, ed era un protocollo a lungo termine che durava molti mesi», ha detto. «Sono molto orgoglioso della ricerca che ha portato a questo».

Football americano, coach Gruden si è dimesso dopo le accuse di omofobia

Nfl, il caso Rodgers è sotto indagine

Rodgers ha continuato a discolparsi dicendo che ha cercato di informare la lega della sua decisione e farlo passare come vaccino, respinta. il suo caso è sotto indagine della Nfl e domani salterà la gara contro i Kansas City Chiefs, perché è vero che nessuno ha obbligato i giocatori al vaccino in questa stagione, ma ha attuato restrizioni per i non immunizzati. I giocatori vaccinati che risultano positivi al Covid possono tornare in servizio dopo due test negativi a distanza di 24 ore, mentre i giocatori non vaccinati devono isolarsi per dieci giorni prima di poter rientrare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA