Mondiali, Paris deluso e polemico: «Discesa baby e pista slalom pessima. Così non va»

Lunedì 11 Febbraio 2019
Dominik Paris non le manda a dire e critica la Federazione internazionale che in combinata ha usato due pesi e due misure: «La pista era terribile, davvero molto male. È la terza volta di fila ai Mondiali che in slalom troviamo condizioni così. Vince sempre chi parte per primo, è andata bene a Pinturault, perché scia benissimo, ma ha fatto fatica anche lui con l'8 e a stento è riuscito a scavalcare Hadalin. Prima una discesa baby, poi uno slalom in condizioni così: è molto difficile essere competitivo. L'ho detto già prima della gara, mi hanno risposto che la pista avrebbe tenuto bene, ma non è stato così - spiega l'iridato di SuperG -. In discesa sono andato bene, sabato non potevo scegliere le mie linee e stare nella traccia, oggi era tutto pulito ed è stato tutto più facile. Sono comunque soddisfatto di questi Mondiali, considerando l'oro alla prima giornata». Rammaricato anche Riccardo Tonetti, alla fine 4/o, a pochi centesimi dal podio: «Si poteva sicuramente fare meglio ma, secondo me, ho fatto una bella gara sia in discesa che in slalom. Purtroppo quei due decimi bruciano un pò, perché quarto al Mondiale non conta così tanto. Dispiace che siamo a un Mondiale e oggi che ho fatto una bella discesa è stato uno svantaggio, perché poi sono partito con il 15 in slalom e la pista era quello che era. Peccato per un Mondiale che non si sia riuscito a fare qualcosa di meglio». Critico anche Christof Innerhofer, quarto dopo la prima prova e poi saltato nella seconda: «Lo slalom di una combinata potrebbe tracciarlo uno neutrale, oggi l'allenatore francese ha disegnato un tracciato con angoli e passaggi stretti». Ultimo aggiornamento: 18:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Viaggiare e lavorare, vita da nomade digitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma