Mondiali, oro agli USA nella crono femminile e alla Danimarca per gli under23. Domani al via la prova Elite con Ganna e Affini

Mondiali, oro agli USA nella crono femminile e alla Danimarca per gli under23. Domani al via la prova Elite con Ganna e Affini
di Francesca Monzone
2 Minuti di Lettura
Martedì 24 Settembre 2019, 20:34

La scuola della pista ha scritto la storia della prova a cronometro femminile di questo mondiale, con la statunitense Chloe Dygert che ha conquistato, di potenza, la maglia arcobaleno ad Harrogate in Gran Bretagna. La Dygert già campionessa mondiale di pista, ha polverizzato tutte le avversarie facendo fermare il cronometro sul tempo di 42’11”.57. L’argento è andato alla olandese Anna Van Der Breggen, che ha tagliato il traguardo con un ritardo di 1’33”, mentre il bronzo è andato alla connazionale Annemiek Van Vleuten a 1’54”. Nella storia del mondiale femminile non si era mai registrato un distacco così importante tra la prima e la seconda. L’Italia ha chiuso al diciassettesimo posto con Elisa Longo Borghini arrivata con un ritardo di 4’36. Più indietro Vittoria Bussi trentacinquesima a 6’30. Il mondiale si era aperto questa mattina con la prova a cronometro degli under23 dove a vincere, sotto una pioggia incessante, è stato il danese Mikkel Bjorg, oro con il tempo di 40:20. Argento allo statunitense Ian Garrison, che chiuso la sua prova a 27” dal danese. Bronzo per l’altro statunitense Brandon Mcnulty a 28”. Antonio Puppio, miglior azzurro, è arrivato ventiduesimo a 2’25”, mentre Matteo Sobrero con 2’48” ha chiuso al ventottesimo posto. La pioggia ha causato molte cadute e le polemiche sulla sicurezza non sono mancate. A causa delle avverse condizioni, la prova femminile è stata spostata di 40’, causando ulteriori polemiche, per non aver spostato a domani la gara.
Questa terza giornata  si è chiusa senza medaglie per l’Italia, che ieri invece aveva conquistato l’oro con Antonio Tiberi nella cronometro juniores. Domani i protagonisti saranno gli uomini Elite. Sarà difficile per Filippo Ganna ed Edoardo Affini, salire su un podio dove tanti saranno i campioni a lottare per una medaglia. Il super favorito sarà lo specialista Rohan Dennis, campione mondiale uscente. Al via anche Evenepoel campione europeo di specialità e lo sloveno Roglic, che all’ultima Vuelta di Spagna, ha conquistato la maglia rossa proprio grazie alla prova a cronometro. Si correrà su una distanza di 54 chilometri e 684 metri di dislivello. Sarà un percorso mosso ed estremamente selettivo, dove a vincere potrebbe esserci anche qualche outsider. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA