Mondiale di endurance equestre a San Rossore di Pisa: 160 chilometri da percorrere in 8 ore

Italia, conto alla rovescia per il campionato mondiale equestre che si terrà a San Rossore di Pisa
3 Minuti di Lettura
Venerdì 9 Aprile 2021, 20:03 - Ultimo aggiornamento: 12 Aprile, 12:19

E' iniziato il countdown che separa l'Italia dal campionato mondiale di endurance equestre, in programma sabato 22 maggio che si terrà all'ippodromo di San Rossore di Pisa. Tra i partecipanti pronti a scaldare cavalli e cavalieri per la gara sui 160 km da percorrere in otto ore, ci sono diverse Nazioni come la Lituania, la Norvegia, la Romania, l'Arabia Saudita e l'Uruguay. Le adesioni saranno raccolte fino al 21 aprile e il Comitato organizzatore ha già definito i protocolli sanitari per ospitare in sicurezza le squadre iscritte al grande evento.

Gianluca Laliscia CEO & Chairman presso sistemaeventi.it sr, del Comitato organizzatore del Longines Fei Endurance World Championship 2021, ha definito questo campionato «L'evento della rinascita. Un'occasione per dimostrare la resilienza e la ripartenza attraverso lo sport. Si tratta di una scelta molto impegnativa, ma nonostante la pandemia, il Comitato organizzatore fortunatamente ha basi solide e nel rispetto degli impegni presi con la FEI (Federazione Equestre Internazionale), con la FISE (Federazione Italiana Sport Equestri) e con tutte le istituzioni, in particolare il Comune di Pisa e la Regione Toscana, che in questi anni hanno sempre creduto in noi, ha deciso di procedere senza limitarsi a pensare soltanto al conto economico e alle dinamiche societarie. Lo reputiamo un investimento importante e significativo per tutto il mondo dello sport e non solo, che vuole portare un messaggio sociale e di fiducia. Ed è anche un importante motivo di orgoglio per noi italiani poter organizzare proprio in Italia un evento mondiale di tale portata».

L'emergenza pandemica da Covid avrà anche rallentato i preparativi determinando continui rinvii, riprogrammazioni e decisioni tardive ma non è riuscita a smorzare l'entusiasmo generale. Quello che si prospetta non è solo un appuntamento con lo sport ma anche con la cultura. Obiettivo ulteriore da raggiungere infatti sarà quello di favorire uno scambio tra l'Occidente e l'Oriente accomunati dalla medesima passione per i cavalli e dallo stesso rispetto per la natura.

Il Comitato organizzatore ha solide basi di esperienza su cui contare, avendo ospitato sempre a San Rossore il FEI European Endurance Championship for Junior & Young Riders nel 2018 e, nel 2019, il doppio appuntamento con il FEI World Endurance Championship for Junior & Young Riders e il FEI World Endurance Championship for Young Horses. Solo certezze, dunque, per confermare San Rossore nel  ruolo di capitale mondiale dell’endurance.

© RIPRODUZIONE RISERVATA