Luna Rossa, no vento, no regata a Auckland. Checco Bruni: «Bertelli prima di tutto lo amiamo»

Max Sirena sul tender di Luna Rossa
di Francesca Lodigiani
3 Minuti di Lettura
Domenica 14 Marzo 2021, 07:41 - Ultimo aggiornamento: 07:44

No wind, no race. Niente di fatto a Auckland nella quarta giornata  della 36° America’s Cup. Il vento non ha raggiunto la media dei 6.5 nodi prevista dal regolamento sul campo di regata A nel Golfo di Hauraki e dopo un’attesa di due ore il Race Director Iain Murray ha mandato tutti a casa.

Un break non programmato che potrebbe non dispiacere e dare fiato  a entrambi i team impegnati in una maratona che non prevede interruzioni fino al raggiungimento della 7° vittoria che consegna la Vecchia Brocca al vincitore,  se non quelle, come in questo caso, dettate da “Madre Natura”.

Erano tantissime le barche di ogni genere stracolme di spettatori  sul campo di regata, così come migliaia i fans  presenti  nell’America’s Cup Village, tutti a ingannare l’attesa facendo festa e sventolando bandiere, mentre gli equipaggi di Luna Rossa Prada Pirelli e Emirates Team New Zealand attendevano a bordo cercando di rilassarsi. 

Tempo per fare qualche domanda agli uomini dei team e in particolare a Checco Bruni. Tema: Patrizio Bertelli, l’uomo alle origini della grande saga di Luna Rossa, che oggi si trova sul 3 a 3 col Defender, primo Challenger italiano ad aver vinto 3 prove in una America’s Cup.  

“Bertelli? Prima di tutto lo amiamo! – esordisce  con un bel sorriso Bruni- É un grande appassionato. Quello che mi piace di lui è che gli piace ogni aspetto della vela, un po’ come me. Gli piacciono le barche d’epoca e quelle moderne, le barche lente e quelle veloci. Gli piace la vela a 360 gradi e io ho lo stesso sentimento. Se ora fosse qui sul tender? Sarebbe nervoso. Prima e dopo le regate quando è presente comunque lui  è silenzioso. Gli piace dare consigli dopo la gara. Certo gli piacerebbe essere qui anche se non fare la quarantena, ma per il lavoro non è potuto venire. Ci segue. Ci scambiamo messaggi, quando può mi chiama.“

Lo stato d’animo di Bruni in attesa della regata? Sereno: “ Non si può far molto quando il tempo non collabora – dice -  Perciò stiamo calmi, rilassati e concentrati col vantaggio che l’attesa in questa regata  non può durare più di 2 ore. In altre, anche le Olimpiadi, a volte stai in mare ad aspettare il vento anche 6/8 ore!”

Per la 7°e 8° regata tutto rinviato quindi  a  domani lunedì 15 marzo, giornata in cui  ci  dovrebbe essere  vento sui 10/14 nodi,  anche se si sa   che in Nuova Zelanda,  gruppo di isole in mezzo all’oceano senza nulla  che le separi dall’Antartide,  il tempo cambia molto velocemente e le previsioni meteo sembrano esser fatte per esser  smentite.    

 
Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA